Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

Un pizzico di sale nell'acqua potabile

Attualmente esistono svariati metodi per la sterilizzazione dell'acqua: dagli acquiferi e i dispositivi di filtrazione, ai trattamenti chimici e a raggi ultravioletti. Alcune apparecchiature sono complesse e costose, come i depuratori per l'acqua di rubinetto, contenenti composti a grana grossa, e i filtri. Altre, invece, sono semplici pastiglie o sostanze chimiche, per lo più a base di cloro, studiate per contribuire alla depurazione dell'acqua. Alcune, infine, necessitano di una piccola batteria di alimentazione e di un pizzico di sale.
Un pizzico di sale nell'acqua potabile
Recentemente, è stato sviluppato un nuovo sistema di depurazione dell'acqua il cui utilizzo è semplice e poco costoso. Alimentato mediante una batteria standard, ma adattabile a fonti di energia solare, fotovoltaica o perfino a piccoli generatori portatili, il dispositivo richiede semplicemente l'impiego di normale sale da cucina. Non è necessario nessun altro additivo chimico. La capacità di produzione del sistema varia da un litro, fino a migliaia di litri d'acqua l'ora.

Un ulteriore vantaggio è rappresentato dal fatto che questo dispositivo è piccolo e facilmente trasportabile e pertanto costituisce un eccellente complemento agli impianti di emergenza, da utilizzarsi nelle aree disastrate dove l'acqua risulta contaminata o scarsa. L'approvvigionamento di acqua potabile rappresenta una delle principali preoccupazioni nelle aree colpite da siccità o calamità e l'importazione di dispositivi di depurazione costituisce un grosso dilemma statistico, poiché spesso in quelle aree le fonti di energia sono scarse o totalmente inesistenti. Questo cloratore elettrolitico si è rivelato estremamente vantaggioso in condizioni simili e per di più, la soluzione di ipoclorito prodotta durante il processo di depurazione è adatta alla disinfezione delle ferite, delle scottature e per il lavaggio.

Attualmente, gli ideatori hanno sviluppato sei modelli di cloratori elettrolitici da utilizzarsi in loco (On Site Electrolytic Chlorinators - OSEC), realizzati in due formati differenti (piccolo e medio) e sono alla ricerca di partner interessati a questo know-how segreto e disposti a contribuire alla valorizzazione dei risultati.