Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

Trattamento innovativo dei gas nocivi

I catalizzatori sono in grado di rendere innocui i gas nocivi attraverso una serie di reazioni chimiche. Un'università russa ha sviluppato un nuovo ed economico catalizzatore in grado di fornire eccellenti prestazioni ad una vasta gamma di temperature.
Trattamento innovativo dei gas nocivi
I catalizzatori sono sostanze che aumentano la velocità di una reazione chimica abbreviando il percorso di formazione di prodotti a partire dall'impiego di reagenti. I catalizzatori possono essere omogenei o eterogenei. I primi si trovano nella stessa fase dei reagenti (ovvero in fase gassosa nel caso di reazioni che si verificano nell'atmosfera), mentre i secondi si trovano in una fase diversa dai reagenti, spesso quella solida.

Nei catalizzatori eterogenei, detti anche "supportati", la reazione avviene su un'apposita superficie. Spesso i catalizzatori devono operare in ambienti caratterizzati da elevate temperature, come nel sistema di scappamento dei motori a combustione e, pertanto, devono essere resistenti alla fusione. I catalizzatori a base di metallo sono in grado di resistere alle alte temperature e favoriscono la conversione degli scarichi inquinanti in sostanze innocue come l'acqua e l'ossigeno.

Un'università russa che in passato si è occupata di tecnologie e tecniche di analisi elettrochimiche ha sviluppato un nuovo catalizzatore metallico eterogeneo. Si tratta di una sostanza notevolmente più economica rispetto ai prodotti concorrenti presenti sul mercato, capace di mantenersi stabile a temperature fino agli 8000ºC.

A complemento di ciò, sono stati creati due nuovi processi, denominati AgPuls e Microwave SilverMix, per consentire il deposito del catalizzatore praticamente su qualsiasi mezzo solido, permettendo così una vasta gamma di applicazioni. Tali processi sono più rapidi, non richiedono anodi e offrono un'elevata coerenza in termini di profondità di deposito del catalizzatore, evitando così gli sprechi.

L'università mette a disposizione un prototipo a scopo dimostrativo ed intende siglare un accordo di produzione. Fra le possibili applicazioni di quest'innovazione vi è il trattamento degli inquinanti presenti negli scarichi degli autoveicoli (marmitte catalitiche) e negli ambienti di produzione industriale.
Numero di registrazione: 80710 / Ultimo aggiornamento: 2005-09-18
Dominio: Ambiente