Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

Innovativi materiali di rivestimento nanotecnologici

Dalla prima volta in cui fu sintetizzato fino ad oggi, il silicio è stato costantemente oggetto di studi approfonditi per valutarne le proprietà, e ha permesso di compiere grandi progressi nel campo della chimica industriale. Sfruttando le preziose proprietà dei composti a base di silicio, una società tedesca ha recentemente sviluppato alcuni polimeri ibridi organici-inorganici, da utilizzarsi come leganti per materiali di rivestimento. Questi rivestimenti altamente tecnologici possono essere applicati in strati dello spessore di pochi micrometri su superfici di vario genere, dall'alluminio, al magnesio, fino all'acciaio.
Innovativi materiali di rivestimento nanotecnologici
La società responsabile del presente progetto, specializzata in microtecnologie, ha condotto un approfondito lavoro sul trattamento chimico degli alcossidi di silicio, al fine di ottenere avanzati materiali di rivestimento. Nello specifico, la società è riuscita a sviluppare catene di polimeri organici direttamente collegate allo scheletro inorganico della struttura di silossano. Rispetto ai materiali polimerici puramente organici di norma utilizzati, questi polimeri presentano una stabilità di gran lunga superiore, grazie alla elevata energia di legame delle catene silicio-ossigeno con gruppi laterali organici.

I rivestimenti induriti sono stati sottoposti a numerosi test e hanno dimostrato una buona adesione a svariati substrati, soprattutto alluminio, magnesio e acciaio. Essi, inoltre, sono stati utilizzati per formare sottilissimi strati dello spessore di 4-8µm per rivestimenti trasparenti, e di circa 15µm per rivestimenti pigmentati. Grazie alla protezione contro la corrosione offerta dalla loro reticolazione tridimensionale, essi fungono da barriera di diffusione, senza dover imporre requisiti supplementari ai pigmenti per la protezione attiva contro la corrosione. Rivestimenti di uno spessore tipico di 5µm conferiscono resistenza contro la nebbia salina alle superfici in alluminio, senza bisogno di ricorrere a tecniche di cromatazione post trattamento.

Questi innovativi prodotti possono essere utilizzati per proteggere le superfici dalla corrosione ambientale e meccanica, come nel caso dei rivestimenti singoli sulle vernici metalliche. I loro potenziali ambiti d'applicazione variano dal rivestimento delle bobine e dei componenti automobilistici, agli strati protettivi degli scambiatori di calore, fino alle barriere di diffusione per i dispositivi in metallo pesante e alle lamine polimeriche. Questi nuovi prodotti sono particolarmente adatti al rivestimento di materiali leggeri, come l'alluminio e il magnesio, destinati a svolgere un ruolo chiave nell'ambito dei futuri progressi tecnologici mondiali.

Informazioni correlate

Numero di registrazione: 80893 / Ultimo aggiornamento: 2005-09-18
Dominio: Tecnologie industriali