Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

Una soluzione oftalmica prolunga l'effetto dei farmaci

Un team di ricercatori francesi ha sviluppato una soluzione in grado di prolungare l'azione dei farmaci ad uso oculare. Grazie a questa sostanza, i trattamenti oftalmici possono rimanere attivi per un periodo di tempo superiore, senza essere influenzati dall'effetto lubrificante del liquido lacrimale.
Una soluzione oftalmica prolunga l'effetto dei farmaci
Se vi lacrimano gli occhi, non è detto che qualcosa sia andato storto nella vostra giornata. Anzi, nella maggior parte dei casi, le lacrime compaiono nell'occhio come meccanismo di protezione contro la presenza di liquidi, polvere o altri corpi estranei capaci di provocare irritazione. Questa reazione è spontanea e non può essere controllata coscientemente. Anche quando instilliamo volontariamente una sostanza oculare, il liquido lacrimale interviene a pulire l'occhio.

I colliri oftalmici vengono comunemente impiegati nel trattamento medico di numerose infezioni oculari. Sebbene l'efficacia del farmaco sia proporzionale al tempo di permanenza nell'occhio, quest'ultimo, come riflesso naturale di protezione, tende a rimuovere il farmaco e ad ostacolare il trattamento. Un team di ricercatori dell'Università Louis Pasteur si è concentrato sulla ricerca di soluzioni per estendere la permanenza del farmaco instillato nell'occhio. Tale ricerca ha condotto allo sviluppo di una soluzione capace di prolungare l'attività del medicinale una volta instillato.

Questa nuova soluzione può essere utilizzata in due modi diversi: come soluzione pura, ovvero come lacrime artificiali per alleviare i sintomi della sindrome dell'occhio secco, oppure miscelata a farmaci per il trattamento delle infezioni oculari o a sostanze attive impiegate durante gli esami della vista. Fattore molto importante, questa soluzione non provoca irritazioni.

Il prolungamento della biodisponibilità del farmaco nell'occhio non solo aumenta l'efficacia del medicinale stesso, ma riduce anche il dosaggio necessario ed offre al paziente un trattamento migliore, più rapido ed efficace.