Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

Sangue artificiale estratto da organismi marini

I crescenti timori circa la sicurezza delle trasfusioni di sangue hanno portato ad una maggiore riluttanza a donare e ricevere sangue umano. Per risolvere tale problema, è stato sviluppato un sostituto del sangue estratto dai vermi marini, utilizzabile come surrogato dell'emoglobina umana e per la conservazione degli organi.
Sangue artificiale estratto da organismi marini
Il sangue è un liquido corporeo essenziale, poiché trasporta l'ossigeno a tutti i tessuti dell'organismo ed elimina i rifiuti come l'anidride carbonica. Nel caso di emorragia, pertanto, è essenziale ricorrere ad una trasfusione di sangue. La recente scoperta dei rischi legati alle malattie trasmesse con il sangue, come l'HIV e l'epatite, hanno creato una sorta di panico. Nonostante i controlli effettuati, ancora oggi è possibile che si verifichino casi di trasfusioni con sangue infetto, a causa delle quali il ricevente viene contagiato. Alla luce di questo e di altri problemi connessi alla trasfusione di sangue umano, è essenziale disporre di sostanze sostitutive.

Il sangue artificiale è un materiale che, una volta iniettato nell'organismo, dev'essere in grado di svolgere tutte le funzioni del sangue naturale, fra cui trasportare ossigeno ai tessuti e anidride carbonica dai tessuti ai polmoni. Tale sostanza sostitutiva dev'essere atossica, stabile, abbondante e priva di rischi d'infezione. Tutte caratteristiche, queste, racchiuse in una nuova sostanza isolata dagli anellidi, o vermi marini, sotto forma di emoglobina extracellulare ad elevato peso molecolare.

Le emoglobine extracellulari sono molecole giganti con un elevato peso molecolare. Negli anellidi, tali sostanze svolgono la stessa funzione dell'emoglobina nell'uomo: legano l'ossigeno e lo trasportano ai diversi tessuti. Utilizzando l'emoglobina polimerizzata ottenuta dagli anellidi, sono state effettuate delle trasfusioni di sangue nei topi, ottenendo i primi risultati positivi.

Gli sviluppatori hanno già presentato richiesta di brevetto per questo nuovo processo e stanno conducendo ulteriori attività di ricerca e sviluppo. Essi, inoltre, sono interessati a concludere un accordo di licenza.