Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

Celle combustibili miniaturizzate al posto delle batterie

I dispositivi elettronici portatili consumano sempre più potenza. Una rivoluzionaria microcella combustibile, sviluppata da un gruppo di ricercatori italiani, potrebbe sostituire le batterie tradizionali per soddisfare le esigenze crescenti di questi dispositivi.
Celle combustibili miniaturizzate al posto delle batterie
L'uso di computer portatili, telefoni cellulari, camcorder, PDA e di altri apparecchi elettronici portatili è aumentato enormemente nell'ultimo decennio. Le funzioni integrate sempre più numerose di questi dispositivi hanno portato a un corrispondente aumento del consumo di potenza; le batterie tradizionali stanno ormai diventando inadeguate.

Una possibile soluzione è offerta dalle microcelle combustibili: dispositivi elettrochimici miniaturizzati che generano energia elettrica utilizzando metanolo, idrogeno, gas naturale o altri combustibili alternativi. Le microcelle possono produrre un'alta densità di potenza con buona efficienza rispetto alle loro dimensioni ridotte.

Alcuni ricercatori dell'Istituto per la Microelettronica e Microsistemi hanno applicato le teniche più moderne della microingegneria per incorporare una microcella combustibile su un chip di silicio. Nel chip vengono scavati canali per il trasporto dell'ossigeno e del combustibile e su di essi viene applicato uno strato di catalizzatore sospeso in un substrato di silicio poroso. Il substrato viene poi coperto con una membrana polimerica di scambio protonico, che aumenta la stabilità termica e chimica e la conduzione dei protoni, con risultati eccellenti.

La nuova microcella combustibile può generare più potenza e quindi consentire più ore di funzionamento. Inoltre è probabilmente meno inquinante delle batterie tradizionali, che costituiscono una fonte notevole di rifiuti pericolosi.

Queste invenzioni sono state brevettate. Il processo, compatibile con le tecnologie a elevatissimo livello di integrazione (ULSI, Ultra Large Scale Integration), assicura accettazione universale. I risultati iniziali hanno suscitato l'interesse della comunità internazionale. Gli inventori cercano finanziamenti con capitale di rischio per creare un'azienda e intendono stimolare ulteriori ricerche in Europa in quest'area.

Informazioni correlate

Numero di registrazione: 81101 / Ultimo aggiornamento: 2005-09-18
Dominio: Energia