Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

Nuovo metodo di studio delle vibrazioni

I terribili effetti di un terremoto su edifici e altre costruzioni hanno indotto i ricercatori a studiare il fenomeno fisico soggiacente della vibrazione. Le scosse sono riscontrabili non solo nelle vibrazioni sismiche, ma anche in una vasta gamma di sistemi, dalle molecole alle telecomunicazioni.
Nuovo metodo di studio delle vibrazioni
I sistemi di vibrazione, ovunque si riscontrino, sono strettamente connessi con la sicurezza e il corretto funzionamento della relativa struttura. Per esempio, lo studio del sistema vibratorio di un edificio può fornire utili informazioni sul suo comportamento in caso di terremoto, in termini di stabilità e sicurezza della costruzione.

Per calcolare con precisione questi fenomeni vibratori vengono utilizzati degli appropriati metodi a matrice. Tuttavia, tali metodi possono rivelarsi inefficaci in termini di affidabilità, poiché forniscono delle stime approssimative, piuttosto che numeri esatti. Inoltre, essi richiedono numerosi sforzi di elaborazione, soprattutto per i sistemi concentrati (lumped).

A differenza dei metodi convenzionali, l'esclusivo sistema non a matrice messo a punto è in grado di analizzare adeguatamente le vibrazioni sia nei sistemi distribuiti che concentrati. Nello specifico, la soluzione proposta consente un calcolo preciso dei sistemi concentrati monodimensionali costituiti da un numero illimitato - quasi infinito - di elementi connessi elasticamente. Poiché l'omogeneità degli elementi non svolge un ruolo determinante, il nuovo metodo si basa prevalentemente sulla resistenza, nonché sulle diverse costanti di rigidezza longitudinali e trasversali del materiale di cui è composto il sistema in questione.

Il nuovo metodo è già stato sviluppato per una vasta gamma di sistemi: dritti (alberi meccanici), con pieghe a kink (giuntura fra l'altopiano e la dorsale della montagna, poiché la piega della dorsale è il punto in cui si concentra la potenza distruttiva del sisma), a ciclo chiuso (circolari analogici) e sistemi comprendenti sottosistemi di risonanza. Queste soluzioni personalizzate hanno evidenziato caratteristiche di vibrazione e risonanza diverse da quelle fornite dalle tecniche a matrice, offrendo un'analisi più approfondita delle vibrazioni.

Rispetto ai metodi convenzionali, il nuovo metodo è visivo, facilitando così la previsione e la correzione in qualsiasi fase del processo e permettendo all'utente di selezionare adeguatamente i parametri durante il calcolo. Questo metodo è già stato testato e i risultati ottenuti sono apparsi in linea con gli esperimenti. Per ulteriori informazioni visitare la homepage del laboratorio, al seguente indirizzo: http://angelfire.lycos.com/la3/SELFlab

Informazioni correlate

Numero di registrazione: 81158 / Ultimo aggiornamento: 2005-09-18
Dominio: Tecnologie industriali