Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

Ridurre le complicanze vascolari nei diabetici

Il diabete è una delle malattie e condizioni croniche più diffuse, in grado di causare alterazioni vascolari che conducono a malattie dei vasi sanguigni sia di grande che di piccolo calibro. Un gruppo di ricercatori italiani ha scoperto che la proteina 94 regolata da glucosio (Grp94), presente nel plasma, può facilitare la diagnosi e il trattamento di tali complicanze.
Ridurre le complicanze vascolari nei diabetici
Il diabete mellito è una condizione medica cronica conseguente a iperglicemia, che nel corso del tempo può causare malattie dei vasi sanguigni sia di piccolo calibro, come quelli che afferiscono agli occhi, ai reni e ai nervi, sia di grande calibro come quelli che afferiscono al cuore. Varie statistiche mostrano che per i diabetici le probabilità di una grave lesione cardiovascolare (infarto miocardico o ictus) sono le stesse che per i non diabetici che abbiano già subito un infarto miocardico. Inoltre, i tassi di mortalità correlati a malattie cardiache sono, nei diabetici, il doppio rispetto ai non diabetici.

Adesso i diabetici possono evitare complicanze cardiovascolari grazie a una recente scoperta: la maggiore attività proteolitica che potrebbe essere una delle cause principali delle lesioni vascolari è dovuta principalmente a un'elevata concentrazione della Grp94 nel plasma. È possibile quindi prevedere eventuali complicanze identificando tali concentrazioni. Inoltre l'inattivazione dell'attività proteolitica dovuta agli anticorpi anti-Grp94 aumenta la possibilità di utilizzare questi ultimi in terapie di cura o preventive.

La scoperta è stata testata con successo in esperimenti in vitro relativi all'attività proteolitica su substrati specifici e agli effetti della crescita su colture di cellule. La specificazione del livello della Grp94 nel plasma potrebbe quindi essere utilizzata come indicatore di un rischio più alto di lesioni vascolari. Inoltre la Grp94 purificata, estraibile dal plasma dei diabetici, potrebbe essere utile come immunogeno per la progettazione e la produzione di anticorpi anti-Grp94 per usi sia diagnostici che terapeutici, contribuendo così a limitazioni significative delle complicanze vascolari. Si cercano, per stabilire accordi di licenza, aziende biotecnologiche e farmaceutiche operanti nei settori dell'immunologia, della produzione di sostanze chimiche immunogene, della biologica molecolare e della ricerca nel campo delle scienze naturali.