Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

Unificare le basi di dati distribuite per il B2B

Se il commercio elettronico per il consumatore ha dato vita a pochi grandi vincitori, il mercato elettronico B2B destinato ai settori verticali dispone ancora di un enorme potenziale. MetaVista è un nuovo prodotto per pubblicare online cataloghi, testi o contenuto multimediale, gestiti su server di dati locali o remoti.
Unificare le basi di dati distribuite per il B2B
L'architettura di MetaVista permette agli utenti di condurre transazioni commerciali via un'interfaccia Internet unica, anche quando differenti forme di contenuto sono gestite su sistemi geograficamente decentrati. È dunque particolarmente indicata per creare sistemi di commercio elettronico B2B tra portali Internet e mercati verticali.

Grazie alla possibilità di riunire informazioni eterogenee e di supportare protocolli di filtraggio e sicurezza, MetaVista permette agli utenti di utilizzare in modo sicuro ed efficiente differenti tipi di dati su un gran numero di server, indipendentemente dalla loro localizzazione. L'utilizzatore può cercare differenti tipi di contenuto, da cataloghi o siti commerciali, senza necessità di conoscerne tipi o attributi.

Il sistema MetaVista include un ACS (Access Server) per trattare le richieste dell'utilizzatore e le richieste di routing ai sistemi periferici distribuiti, e un DAS (Data Server) che traduce le richieste per la base di dati locale e rimanda all'utente i dati pubblicati via l'ACS. Entrambi i server forniscono l'interfacciamento Z39.50 e HTTP e supportano quasi tutti i sistemi operativi, i server web e le basi di dati relazionali, incluse le piattaforme Sun, HP, IBM e Microsoft.

L'interoperabilità è garantita dalla piena conformità con lo standard ISO 23950 per il recupero dell'informazione. Il DAS può operare come server Z39.50, mentre l'ACS opera sia come client che come server quando interconnette i clienti Z39.50 con i server Z39.50. MetaVista supporta i protocolli OAIPMH (Open Archive Initiative Metadata Harvesting) e SRU/SRW (Search Retrieval URL/Web Service), e la conformità con Open URL dovrebbe essere assicurata in breve tempo.