Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

Migliorare la risposta immunitaria

Una recente ricerca scientifica è riuscita ad isolare fattori neuroimmunomodulatori altamente specifici provenienti da differenti tessuti. Il promettente risultato potrebbe contribuire in modo significativo allo sviluppo di nuovi medicinali avanzati per prevenire i rigetti in innesti e trapianti e per controllare le malattie autoimmunitarie.
Migliorare la risposta immunitaria
Facendo uso di due diversi sistemi biologi, culture di tessuti e ipotalamo di topo, i ricercatori sono stati in grado di isolare e caratterizzare parzialmente due importanti fattori. In primo luogo i fattori immunosoppressori nei leucociti del sangue periferico umano, in secondo luogo il fattore inibente LH-RH (Luteinizing Hormone-Releasing Hormone) dall'ipotalamo dei topi.

Le molecole mostrano caratteristiche fisico-chimiche e proprietà regolatorie negative del tutto simili. Anche se la loro struttura chimica non è stata completamente specificata, queste molecole sono potenzialmente legate ai peptidi e differenti dai caloni, le cellule che regolano taglia e popolazione di cellule. Potrebbero quindi implicare un nuovo tipo di fattori regolatori negativi a basso peso molecolare.

Le ImmunoRegulin a basso peso isolate hanno proprietà antigene specifiche che permettono di stimolare la produzione di anticorpi. Tali fattori immunomodulatori svolgono un ruolo fondamentale negli adattamenti, regolazioni o potenziamenti immunologici. Con una purificazione prossima all'omogeneità, i fattori immunosoppressivi potrebbero essere ulteriormente usati nei prodotti farmaceutici per modificare o regolare le funzioni immunitarie.

È stato in particolare dimostrato che queste sostanze dispongono di un grande potenziale per un ulteriore sfruttamento nei compound ciclosporinici, farmaci immunosoppressivi di solito usati per prevenire il rigetto di organi trapiantati. Possono anche inibire la produzione e la manifestazione del recettore dell'interleukin-2 nel trattamento delle colture linfocite, entrambe usate nelle terapie sperimentali dei tumori.

Informazioni correlate

Sintesi della relazione

Numero di registrazione: 81399 / Ultimo aggiornamento: 2005-09-18
Dominio: Biologia, Medicina