Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

Canali per acque piovane per il controllo dell'inquinamento dovuto ai temporali

Considerato il grande volume degli scarichi d'acqua piovana e la quantità d'inquinanti che trascina con sé, il bisogno di sistemi per l'acqua piovana è incontrovertibile.
Canali per acque piovane per il controllo dell'inquinamento dovuto ai temporali
Un efficace sistema di fognatura per l'acqua piovana raccoglie solitamente l'acqua caduta e la trasporta verso le strutture di trattamento. A grandi linee, l'efficienza di questi sistemi dipende dalle condizioni delle tubature, dal volume e dal tipo di detriti e dalla quantità d'acqua ricevuta in un determinato periodo di tempo. La maggior parte di questi sistemi, inoltre, non sono abbastanza protetti da prevenire l'afflusso di sostanze chimiche pericolose o inquinanti, e possono essere facilmente ostruiti dei detriti.

Sebbene esistano già parecchi sistemi efficienti, la tecnologia sviluppata propone una soluzione globale che si distingue dalle altre per un importante aspetto: il trattamento sotterraneo sul posto. Questo significa semplicemente che l'acqua piovana può essere trattata dove viene raccolta, usando la sedimentazione, l'adsorbimento e la precipitazione chimica per pulirla.

Questa innovazione tedesca permette di rimuovere efficientemente tutte le forme di nutrimenti e d'inquinanti, come metalli pesanti e idrocarburi. Questi sono intrappolati in una camera di sedimentazione che costituisce una parte degli aspetti innovativi della tecnologia. La camera sotterranea, in cemento, si compone di una serie di attraenti innovazioni. Una di queste è la fossa di controllo dell'inquinamento, appositamente sviluppata e chiamata HydroControl. È qui che inizia il processo di purificazione. Usando i separatori idrodinamici e i filtri a più stadi di cemento poroso a caricamento verticale (HydroFilters), l'acqua viene completamente ripulita prima di essere scaricata in tutta sicurezza nel condotto fognario.

Un'altra caratteristica attraente è l'uso di tubi di calcestruzzo invece che di plastica. Il calcestruzzo ha una tendenza naturale a stabilizzare i livelli di pH dell'acqua, che altrimenti resterebbero tipicamente acidi. Inoltre il calcestruzzo consente di usare tubi più grandi, e quindi di maggiore capacità. I tubi, che sono naturalmente semiporosi, fungono anche da filtri in sé.

Lo sviluppo presenta un eccellente rapporto costo/efficacia, in quanto si tratta di una tecnologia low-end, con un impatto minimo sull'uso del territorio, ma in grado di trattare un maggior carico d'inquinanti. In quanto tale, dovrebbe trovare vasto impiego nel miglioramento dello scorrimento delle acque sia residenziale che industriale e contribuire a sostenere i sistemi sovraccarichi di depurazione delle acque. Ci vuole poco a capire che questo canale per l'acqua piovana è il prodotto di una fruttuosa collaborazione tra cervelli.