Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

Il nuovo microdispenser a nanojet colpisce con precisione micropuntuale

Tra i molti usi dei microdispenser, vi è quello per l'analisi delle sostanze biochimiche del corpo umano. I microdispenser devono avere una precisione ed una velocità eccezionali. Ora uno sviluppo tedesco offre un microdispenser a nanojet con una precisione migliorata di volumi che vanno da 1nl a 1.000nl.
Il nuovo microdispenser a nanojet colpisce con precisione micropuntuale
Con il volume assoluto di test che la maggior parte dei laboratori devono eseguire ogni giorno, la velocità è essenziale. Tuttavia la precisione e la validità dei test non possono essere compromesse, perché se si dovessero ripetere le procedure questo comporterebbe una perdita di tempo e contribuirebbe a far aumentare i costi. Per cui velocità e affidabilità restano vitali, e alle attrezzature di laboratorio si chiede di rispondere a standard superiori per entrambe.

Perché ciò sia possibile, è stato sviluppato un microdispenser a nanojet basato sullo spostamento meccanico definito ad alta velocità di liquidi dalla camera di dosaggio. La sua costruzione comporta un chip al silicio con la camera di dosaggio unita da un diaframma flessibile. La camera di dosaggio è collegata al serbatoio e all'ugello da una serie di canali capillari. Sono le forze capillari che danno al chip la sua capacità di autoinnesco, e lo scorrimento o perdita di liquido viene evitato dalla tensione superficiale del liquido stesso.

Molti microdispenser si basano sulla temperatura e le proprietà dei liquidi per garantire l'erogazione di volumi esatti. Il microdispenser sviluppato dai tedeschi non si fonda su nessuna delle due, ed offre inoltre la possibilità di cambiare rapidamente le percentuali di dosaggio nonché una gamma di vari liquidi, il tutto senza contatto. Buona parte dell'intero processo, dall'erogazione al nuovo riempimento, è basata su semplici processi o forze meccaniche. Ad esempio, il riempimento della camera di dosaggio avviene mediante il lento rilascio del diaframma, che a sua volta è controllato da un attuatore piezostack, guidato dalle forze elastiche.

È già stato sviluppato un modello di nanojet prototipo, in grado di erogare liquidi entro la gamma 10/250nl. Gli sviluppatori sono alla ricerca di accordi di licenza e di marketing con parti interessate, ed offrono il prototipo per la dimostrazione.
Numero di registrazione: 81593 / Ultimo aggiornamento: 2005-09-18
Dominio: Biologia, Medicina