Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

Nuove potenzialità della biotecnologia per i componenti batterici

La biotecnologia sta avanzando a passo di carica, creando, grazie allo studio ed all'applicazione di processi viventi e dei loro elementi costitutivi, nuove opportunità in un ampio ventaglio di settori industriali.
Nuove potenzialità della biotecnologia per i componenti batterici
Le cellule batteriche sono state usate per assolvere a funzioni biotecnologiche assai diverse, dalla fermentazione ai processi biomedicali, al trattamento delle acque reflue. Un gruppo di ricerca che opera in Spagna ha recentemente identificato un gruppo di batteri che esprimono una serie di polisaccaridi extracellulari (EPS) di recente scoperta, che sono dotati di proprietà potenzialmente utili.

Questi EPS si collocano sulla superficie esterna delle cellule e sono responsabili di svariate attività e funzioni batteriche. Recentemente identificati, questi EPS sono già stati brevettati, e le loro proprietà di stabilizzazione e viscosità li rendono estremamente interessanti per l'impiego nelle industrie alimentare, cosmetica e farmaceutica.

I ricercatori non hanno identificato segni di patogenicità da attribuire a queste specie batteriche, che inoltre sono facili da coltivare su sostrati a basso costo in strutture industriali. Chimicamente, questi nuovi EPS differiscono sostanzialmente da altri membri di quel gruppo di biomolecole scoperte fino ad ora, ed è probabile che questo porti a insiemi esclusivi di proprietà per queste molecole.

Si cercano partner industriali nel campo dei prodotti farmaceutici, della cosmesi e della trasformazione alimentare per analizzare ulteriormente queste molecole e studiarne le potenzialità. Inoltre il gruppo di ricerca sta lavorando alla fase pilota di una nuova tecnologia per una nuova applicazione, ed è interessato anche a formare collaborazioni che ne coprano l'aspetto tecnico.
Numero di registrazione: 82125 / Ultimo aggiornamento: 2005-09-18
Dominio: Biologia, Medicina