Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

Una nuova diagnosi della scoliosi che non usa i raggi X

La scoliosi può colpire adulti e bambini. Si tratta di un difetto, caratterizzato dalla deviazione laterale della colonna vertebrale, abbastanza comune nella popolazione.
Una nuova diagnosi della scoliosi che non usa i raggi X
Il problema è spesso mal diagnosticato, in particolare nell'infanzia, ma una nuova tecnologia italiana potrebbe offrire ai medici una soluzione. Una PMI italiana ha sviluppato un nuovo sistema per lo screening della scoliosi. In metodo non è invasivo, è economico, e non fa uso di raggi X.

L'approccio utilizza una serie di marcatori riflettenti posizionati sulla schiena del paziente. Dopo avere effettuato una serie di riprese, l'immagine digitale viene analizzata con un software di nuovo tipo. Il software, specialmente pensato per questo compito, può rilevare le deformazioni della colonna vertebrale con un'accuratezza del 98% rispetto ai metodi radiografici.

Il costo contenuto e la sicurezza rendono il metodo adatto al monitoraggio con applicazioni ripetute. È anche indicato per gli screening scolastici. L'attrezzatura necessaria può essere facilmente trasportata, rendendone ancora più facile l'uso. L'analisi delle immagini digitali significa che il paziente non è assolutamente esposto a radiazioni di raggi X, e il rischio per la salute è quindi ridotto.

A scopo dimostrativo, è già stato costruito un prototipo, e i creatori intendono ora concludere accordi specifici per sviluppare le possibilità offerte da questo approccio. Si cercano partner per ulteriori test tecnici, per studi di mercato, e per sviluppare, se e quando necessario, supporti nelle varie lingue.

Informazioni correlate

Numero di registrazione: 82620 / Ultimo aggiornamento: 2006-06-13
Dominio: Biologia, Medicina