Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

Una nuova pirolisi per il riciclaggio del PET

Ora è stato sviluppato un metodo per estrarre il carbonio attivo dalla plastica usata, che offre notevoli vantaggi all'industria.
Una nuova pirolisi per il riciclaggio del PET
Il PET (polietilentereftalato) costituisce una parte importante dei rifiuti della nostra società. Un gran numero di prodotti di consumo, come i contenitori di cibi e bevande, sono fabbricati in tutto o in parte in plastica.

Per fortuna il PET è riciclabile al 100%, e le sue catene di polimeri possono essere recuperate per essere riadoperate. In questo modo il suo impatto ambientale ed economico potrebbe essere enorme, ed è stata affrontata un'intensa attività di ricerca e sviluppo per migliorare ancora le tecnologie di riciclaggio.

Una ricerca, intrapresa da un gruppo andaluso, ha sviluppato un metodo che rimuove il carbonio attivo dal PET smaltito. Un importante vantaggio del processo è che trasforma le sostanze organiche volatili in carbonio attivo.

Il processo avviene in due fasi. Dapprima, mediante un processo di pirolosi, sono generati sali dalla trasformazione delle sostanze organiche volatili. Questi sali tossici sono poi processati a temperatura pirolitica inferiore per generare carbonio attivo. Quindi, alla fine del processo, sono prodotti due differenti tipi di carbonio attivo.

La cosa importante da notare è che entrambi hanno grandi aree superficiali e volumi di micropori. Questi micropori sono distribuiti in modo unimodale, cosa che li rende ideali per l'adsorbimento di importanti quantità d'inquinamento. Inoltre la stretta microporosità rende possibile selezionare selezionare il carbonio attivo per specifiche applicazioni.

Questo processo tecnologico ha un impatto globale. In primo luogo il suo volume di resa nell'ottenere carbonio attivo è circa doppio di quello dei processi tradizionali. Poiché inoltre richiede temperature di pirolisi inferiori, questo ne migliora sia il rapporto costo/efficienza che il consumo energetico. Infine, il carbonio attivo che produce è veramente ideale per alcune applicazioni sia per gli inquinanti dell'acqua che dell'aria.

Informazioni correlate

Numero di registrazione: 82655 / Ultimo aggiornamento: 2006-06-27
Dominio: Ambiente