Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

Digestione anaerobica dei rifiuti solidi

Lo smaltimento dei rifiuti sta diventando un problema sempre più delicato, specialmente nelle grandi città. I ricercatori spagnoli hanno messo a punto una soluzione intelligente e poco costosa basata sulla digestione anaerobica dei rifiuti solidi.
Digestione anaerobica dei rifiuti solidi
Ora che le discariche sono strapiene e gl'inceneritori sono malvisti per le loro pericolose emissioni nell'atmosfera, ci si sta concentrando su forme alternative di gestione dei rifiuti. Una delle più interessanti è la digestione anaerobica. I rifiuti immessi nel sistema vengono sbriciolati dai batteri e convertiti in utili sottoprodotti, come il biogas, che possono essere bruciati per produrre elettricità.

Nel sud della Spagna, gli scienziati hanno sviluppato un sistema di digestione anaerobica molto promettente. Il sistema è molto flessibile, funziona con un'ampia gamma di temperature e contenuti liquidi (può gestire la decomposizione di rifiuti solidi o liquidi). Inoltre può trattare numerosi tipi di rifiuti, da quelli solidi urbani a quelli agricoli o gli effluenti degli impianti di depurazione delle acque reflue. In molti casi, il risultato può essere ancora migliorato con il pretrattamento dei rifiuti.

Per creare il nuovo sistema, i ricercatori hanno usato i più moderni metodi e materiali da costruzione. La digestione viene potenziata aggiungendo ai reattori biologici alcuni miscelatori meccanici. Un nuovo sistema di valvole consente un facile prelievo del biogas da analizzare. E questo è importante perché la qualità del biogas varia enormemente durante la digestione.

I reattori vengono riscaldati con bagni termostatici che soddisfano le norme DIN 12877.2. I livelli di fluidi sono ottimizzati con un sistema di troppo pieno, e un termostato rende sicura l'operazione. L'intero sistema, compreso il ponte elettrico, è costruito con acciaio inossidabile di prima qualità, che lo protegge dalla corrosione.

I creatori hanno presentato domanda di brevetto e cercano accordi licenza per ulteriori sviluppi. Le dimensioni contenute del sistema lo rendono economicamente interessante e adatto al trasporto. I ricercatori spagnoli segnalano inoltre di poter personalizzare il sistema per nuove applicazioni.

Informazioni correlate

Numero di registrazione: 82755 / Ultimo aggiornamento: 2006-07-31
Dominio: Energia