Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

Ridurre il CO2 nell'atmosfera

La capacità di materiali microporosi noti come feldspatoidi di sequestrare carbonio dall'atmosfera è stata studiata da un gruppo di ricerca accademica italiano.
Ridurre il CO2 nell'atmosfera
L'immane quantità di CO2 rilasciato nell'atmosfera dalla combustione dei combustibili fossili è una crescente preoccupazione ambientale. Per combattere questo problema, molti gruppi di scienziati si sono preoccupati di ideare metodi per catturare e immagazzinare in modo permanente il biossido di carbonio. Le tecniche comuni sono quelle che potenziano la carbonatazione di minerali di triossosilicato di magnesio e iniettano fluidi CO2 supercritici nei corrispondenti strati geologici.

Tuttavia adesso i risultati di un gruppo di ricerca accademica italiano affermano che i minerali feldspatoidi possono fornire un mezzo alternativo per sequestrare il CO2. I feldspatoidi sono materiali microporosi caratterizzati da varie lacune e canali che ospitano cationi e specie anioniche. Esperimenti in situ a temperatura elevata con infrarossi a trasformata di Fourier (FTIR) mostrano che le differenti specie hanno un comportamento termico differente allo stato volatile.

Inoltre poiché in natura i feldspatoidi sono diffusi in varie zone del mondo, possono rappresentare un metodo alternativo di immagazzinamento del CO2 per rispettare i termini dell'accordo di Kyoto. Il nuovo metodo inoltre è meno costoso e richiede meno tempo. Il gruppo di ricerca estende il suo know-how ad aziende o centri di ricerca attivi nel monitoraggio ambientale o la produzione di nuovi materiali per controllare l'inquinamento.
Numero di registrazione: 82868 / Ultimo aggiornamento: 2006-09-18
Dominio: Ambiente