Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

Misurazione dell'ossigeno di corsa

Un gruppo di ricerca andaluso ha costruito un sensore di ossigeno leggero, accurato e portatile, che si adatta a un'ampia gamma di applicazioni.
Misurazione dell'ossigeno di corsa
La misurazione rapida e accurata della concentrazione di ossigeno nell'ambiente è fondamentale in un gran numero di differenti settori (medicina in particolare, ma anche sicurezza sul lavoro, controllo ambientale e così via). Per far progredire il monitoraggio dell'ossigeno, alcuni ricercatori della Spagna meridionale si sono rivolti alle tecniche optochimiche.

I componenti optochimici estraggono l'informazione sulla concentrazione di ossigeno dalle misurazione della luminescenza. Gli scienziati andalusi si sono dati da fare per arrivare a una maggiore accuratezza delle misurazioni (lo 0,5%), minimizzando al tempo stesso il numero di componenti. Questa progettazione minimalistica offre il vantaggio di ridurre il peso complessivo del sensore, mentre la sua semplicità facilita la manutenzione.

È stata prestata particolare attenzione a contenere le esigenze energetiche, cosa che, assieme al peso ridotto, ne rende agevole il trasporto. Tra gli altri benefici, vi sono il basso costo di produzione, la facilità di uso anche da parte di tecnici non addestrati e il basso rischio d'interferenze elettromagnetiche.

Il prototipo sviluppato può misurare concentrazioni di ossigeno fino al 30%, con un tempo di ripristino di 30 secondi per la fase a pieno carico. Inoltre il tempo d'acquisizione si aggira attorno al secondo. Lo strumento è affidabile in condizioni ambientali che vanno da -10 a +50°C.

La procedura di calibrazione è estremamente semplice perché occorre un unico standard. Infatti il suo sistema di misurazione dell'ossigeno viene tarato esponendolo semplicemente all'aria aperta, e dunque non sono necessari né standard di laboratorio né tecnici addestrati. Per garantire l'accuratezza delle misurazioni e la stabilità nel tempo, se ne consiglia la taratura periodica.

Ulteriori dettagli possono essere forniti alle organizzazioni interessate a saperne di più sul nuovo sensore, soprattutto a quelle aperte alla collaborazione in vista di un suo sfruttamento commerciale.