Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

Migliorare i cosmetici con la nanotecnologia

Un gruppo israeliano ha progettato e testato un nuovo processo che usa le nanoparticelle per manipolare le caratteristiche fisiche dell'acqua, permettendone l'aderenza a molecole di solito idrofobe.
Migliorare i cosmetici con la nanotecnologia
Quello delle nanotecnologie è un nuovo ed eccitante campo i cui sviluppi stanno interessando tutti i settori della nostra vita quotidiana. Ad esempio, anche se l'industria cosmetica può sembrare estranea all'universo dell'alta tecnologia, una società israeliana ha usato con successo la nanotecnologia per migliorare i prodotti di bellezza.

Tradizionalmente, si adopera l'alcol come ingrediente in molti prodotti per la cura della pelle, dato che la maggior parte dei benefici oli essenziali che fanno parte di tali prodotti non sono solubili in acqua. Disgraziatamente per i consumatori, l'alcol provoca tutta una serie di effetti collaterali (compresi eruzioni cutanee, secchezza, e un'interferenza generalizzata col sistema immunitario).

Gli scienziati israeliani hanno inserito alcune nanoparticelle, in particolare sottili cristalli inorganici, nell'acqua, alterandone la struttura fisica e quindi il comportamento. Come risultato, possono adesso essere inclusi gli oli essenziali e gli altri composti idrofobi. Tra gli altri vantaggi della nuova soluzione tensioattiva, una minore evaporazione superficiale e migliori caratteristiche di cambiamento di fase (da liquido a solido e viceversa).

La PMI israeliana ha presentato domanda di brevetto per proteggere la nuova tecnologia. Oltre a rivoluzionare i prodotti per la cura della pelle e di bellezza in generale, la nuova tecnica può essere applicata anche in altre aree.

Informazioni correlate

Numero di registrazione: 83053 / Ultimo aggiornamento: 2006-11-27
Dominio: Biologia, Medicina