Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

FP6

SAFETEL — Risultato in breve

Project ID: 506829
Finanziato nell'ambito di: FP6-IST
Paese: Italia

Protezione dei veicoli dai disturbi elettromagnetici

Il progetto Safetel (Safe electromagnetic telecommunications) ha aumentato la capacità dei veicoli a motore di resistere ai disturbi elettromagnetici. I ricercatori hanno sviluppato una strategia di analisi e strumenti d'avanguardia per garantire il corretto funzionamento delle apparecchiature elettroniche in presenza degli ultimi ricevitori e trasmettitori complessi.
Protezione dei veicoli dai disturbi elettromagnetici
Il progetto Safetel ha sviluppato una sicurezza funzionale, che necessita di un sistema per funzionare correttamente prendendo in considerazione altri effetti quali vibrazione, temperatura e umidità. I ricercatori hanno studiato il problema della determinazione della probabilità di causare un guasto o malfunzionamento nell'apparecchiatura a seguito di esposizione a un determinato livello di interferenza.

Gli ingegneri hanno considerato diversi parametri legati alla sicurezza funzionale nei processi di analisi e progettazione. Hanno determinato il margine di sicurezza, definito come la differenza tra le corrette prestazioni di un sistema e il modo in cui opera se sottoposto a disturbi elettromagnetici.

Il metodo convenzionale per testare l'apparecchiatura consisteva nel monitorarla visivamente o tramite il suono emesso. Il progetto Safetel ha identificato un segnale di prestazione adatto e ha filtrato tutti i componenti del rumore aumentando la sensibilità all'apparecchiatura di misurazione. Sono stati usati algoritmi di elaborazione statistica del segnale per stabilire un collegamento diretto in tempo reale tra il disturbo e il suo impatto sull'apparecchiatura sotto analisi.

Nuovi standard avanzati e metodi di analisi hanno consentito ai progettisti di sviluppare sistemi elettronici per veicoli con una migliore protezione contro i segnali indesiderati. I risultati contribuiranno al miglioramento della sicurezza stradale e all'offerta di un vantaggio concorrenziale all'industria automobilistica europea.

Informazioni correlate