Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

FP6

MTCP — Risultato in breve

Project ID: 506328
Finanziato nell'ambito di: FP6-SUSTDEV

Organizzazione di un corso per migliorare gli standard del lavoro a bordo

Un studio europeo sottolinea la necessità di procedure di ispezione più efficaci e più costanti per migliorare le condizioni a bordo per i lavoratori del settore marittimo nell'UE.
Organizzazione di un corso per migliorare gli standard del lavoro a bordo
I ricercatori europei hanno effettuato uno studio sull'efficienza dell'applicazione delle normative inerenti al lavoro nel settore marittimo, di cui alle relative convenzioni dell'Organizzazione internazionale del lavoro, sulle navi degli Stati membri dell'UE e di determinate stati associati.

Il lavoro è stato compiuto tra il 2004 e il 2007 tramite il progetto MTCP (Maritime Transport Coordination Platform) FP6 nell'ambito di una serie di rapporti finalizzati alla produzione di specifiche, previsioni e strumenti decisionali per i politici e le autorità del settore dei trasporti.

Il progetto MTCP è incentrato della necessità di sottolineare l'importanza della ricerca e dell'addestramento del personale marittimo europeo in materia di politiche marittime a favore della sostenibilità dei trasporti in superficie secondo le direttive del progetto. Lo scopo è favorire la concorrenza in Europa e garantire sicurezza ed efficienza nei trasporti marittimi.

I 22 partner del progetto hanno creato una piattaforma di coordinamento per la fornitura di informazioni pertinenti e affidabili alla Commissione Europea e agli altri responsabili di problematiche in materia di energia, mobilità e trasporti.

In soli tre anni, il consorzio ha prodotto 18 studi concisi correlati alle politiche. È stato creato, inoltre, un osservatorio del settore dei trasporti marittimi (MTSO) con l'intento di creare competenze ad alto livello; i risultati degli studi sono a disposizione della Commissione ma anche del pubblico.

Particolarmente interessanti si sono rivelate le conclusioni dello studio circa l'applicazione delle normative sul lavoro marittimo, che hanno evidenziato i punti forti e i punti deboli dei regimi di ispezione in Europa.

I ricercatori hanno eseguito una revisione dettagliata dei materiali disponibili, esaminando una serie di fonti statistiche e intervistando ispettori e funzionari portuali addetti ai trasporti internazionali in Norvegia e in otto paesi dell'UE e altri paesi aderenti.

Lo studio ha evidenziato che le differenze nelle procedure di ispezione tra i paesi oggetto dell'analisi erano lievi. Differenze più sostanziali, tuttavia, si sono manifestate nell'utilizzo del sistemi informatici per la documentazione e la raccolta dei dati sulle navi all'ormeggio.

I ricercatori hanno analizzato diversi anni di dati dei funzionari portuali addetti ai trasporti internazionali per determinare l'andamento degli standard del lavoro a bordo. I dati delle ispezioni, in realtà, hanno dimostrato una crescente inadeguatezza di standard fondamentali relativi, ad esempio, all'approvvigionamento e allo stoccaggio di alimenti, forniture idriche, organizzazione e condizioni igieniche a bordo e nelle cucine.

I dati dei team, basati su osservazioni dirette, hanno mostrato una situazione probabilmente diversa. La valutazione delle condizioni di lavoro a bordo si basa su un sistema di ispezioni e di tenuta di appositi registri. Il team ha appurato che la documentazione relativa agli standard, ad esempio le ore di lavoro e di riposo, non sempre corrisponde alle condizioni reali a bordo perché può essere falsificata. È stato suggerito, inoltre, che gli regolamenti relativi alle ore di riposo e alla sicurezza dell'equipaggio in sé non garantiscono ai naviganti una protezione sufficiente dallo stress.

Nel corso dell'indagine, alcuni ispettori hanno segnalato la difficoltà di applicare alcune normative a causa della loro ambiguità. I dati delle osservazioni, inoltre, hanno rivelato che il lavoro degli ispettori potrebbe discontinuo e che un'applicazione più efficace delle normative sul lavoro fornirebbero agli armatori maggiori incentivi per apportare i necessari miglioramenti a bordo.

Lo studio rivela che alcuni ispettori e operatori ritenevano che un approccio maggiormente qualitativo alle ispezioni, basato su liste di controllo (adoperate, ad esempio, dalla Guardia Costiera degli Stati Uniti) sarebbe utile per migliorare le condizioni di lavoro dei marittimi in Europa.

Informazioni correlate