Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

FP6

NEW OPERA — Risultato in breve

Project ID: 6172
Finanziato nell'ambito di: FP6-SUSTDEV
Paese: Italia

Dalla mancanza di reti a reti interconnesse

La domanda di alternative a basso costo ed ecocompatibili al trasporto su strada non è mai stata così elevata, visto il notevole aumento del prezzo dei carburanti. Per promuovere il passaggio modale dalla strada alla rotaia, il progetto New Opera ha proposto possibili misure per supportare i tentativi di sviluppo del settore ferroviario.
Dalla mancanza di reti a reti interconnesse
Nonostante le previsioni di una rapida crescita nei prossimi decenni, ci sono ancora dubbi sulla capacità della rete ferroviaria di raccogliere i potenziali vantaggi della svolta prevista. Costi elevati e lunghi tempi di carico, che hanno promosso il passaggio dalla rotaia alla strada a metà del XX secolo, stanno nuovamente minacciando di minare la competitività della rete ferroviaria.

L'Unione europea ha aumentato gli sforzi per promuovere l'interoperabilità della sua rete ferroviaria. Tuttavia, queste misure, che vanno dall'adozione di standard tecnici di interoperabilità alla liberalizzazione del mercato, non sono sufficienti. Nonostante la crescita dei volumi delle merci, la suddivisione modale tra trasporto su strada e su rotaia rimane ferma.

New Opera, un progetto finanziato dalla Commissione europea per identificare e raccomandare miglioramenti all'infrastruttura della rete ferroviaria e agli standard di interoperabilità, condivideva questa opinione.

Formato nel 2005, il consorzio New Opera è costituito da importanti istituzioni commerciali e aziende private attive nello sviluppo di sistemi di trasporto merci multimodali in Europa. Nello studio globale condotto ha scoperto che le politiche adottate dalla Commissione europea e gli investimenti da parte degli Stati membri stanno solo congelando la velocità con cui il trasporto merci sta passando dalla rotaia alla strada.

Il consorzio New Opera ha quindi raccomandato di ripensare in modo radicale gli investimenti futuri nell'infrastruttura ferroviaria. Al centro delle raccomandazioni vi era la creazione di una rete di trasporto merci europea che colleghi i maggiori porti nel Mare del Nord e nel Mar Baltico con il Mediterraneo. Per fare in modo che questa rete funzioni con successo, però, è necessario migliorare l'efficienza del trasporto merci europeo.

Una maggiore interoperabilità tra le frontiere è fondamentale per il successo della rete, incluse migliori connessioni tra rotaia, aria e mare. Inoltre, le modifiche necessarie includono l'adozione di standard di interoperabilità quali una sagoma di scartamento e di carico universale, l'elettrificazione a 25\;kV e il sistema europeo di gestione del traffico ferroviario (ERTMS).

Inevitabilmente questi cambiamenti radicali comporteranno costi estremamente elevati. Convincere i governi legati da vincoli di budget a investire nella propria infrastruttura di trasporto merci, che tradizionalmente viene posta in secondo piano in Europa rispetto ai progetti dedicati ai passeggeri, è la sfida maggiore per i partner di New Opera. In caso di mancato successo, l'Europa potrebbe perdere un'occasione d'oro che potrebbe non ripresentarsi.

Informazioni correlate

Argomenti

Transport