Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

FP6

NUCAN — Risultato in breve

Project ID: 13775
Finanziato nell'ambito di: FP6-NMP
Paese: Germania

La nanorivoluzione diventa biologica

I materiali intelligenti consentono di superare i limiti di industria e tecnologia. Una classe di questi materiali si basa su particelle nanometriche in grado di migliorare notevolmente la somministrazione mirata di farmaci.
La nanorivoluzione diventa biologica
Il progetto NUCAN (Nucleic Acid Based Nanostructures), finanziato dall'UE, ha sviluppato gli elementi base che potrebbero consentire di ottenere nuovi materiali per molte applicazioni, ad esempio nei settori delle applicazioni bioanalitiche, della somministrazione di farmaci e della nanoelettronica.

Gli acidi nucleici possiedono proprietà uniche nei polimeri e nelle macromolecole che supportano costrutti in scala nanometrica in una, due e tre dimensioni. Questi costrutti, chiamati nanostrutture basate su acidi nucleici (Nabnanos), richiedono molto lavoro di gruppo per progettarne le sequenze di DNA e PNA.

La ricerca ha prodotto nanostrutture auto-assemblate DNA-proteine con un'attività enzimatica che può funzionare anche a temperature elevate. Inoltre le Nabnanos sono state sviluppate per la nanoelettronica che usa nanoparticelle metalliche e nanotubi di carbonio a parete singola (SWNT). L'equipe di progetto è anche riuscita ad attaccare nanosfere di oro e argento di diverse dimensioni a oligomeri di DNA (tipi di molecole) e a unire il DNA ai nanotubi di carbonio.

Ha poi fatto progressi con Nabnanos nella produzione di transistor autoassemblati e ha sviluppato protocolli per le modifiche chimiche superficiali per fare in modo che Nabnanos aderisse a superfici come elettrodi, silicio e vetro.

Sono stati inoltre sviluppati con successo numerosi protocolli biochimici, che sono stati ottimizzati durante il progetto per sviluppare le nanostrutture desiderate usando hardware e software complessi. Sono stati inoltre prodotti nanocavi elettroconduttori come base per il circuito nanoelettronico. Si tratta solo di una parte dei risultati ottenuti dall'equipe del progetto.

Verso la fine del progetto le nanostrutture sono state testate su diversi tipi di cellule umane, a dimostrazione del potente impatto che le Nabnanos potrebbero avere sulla somministrazione di farmaci. Si potrebbero così riformulare molti farmaci già sul mercato per ridurre gli effetti collaterali e migliorare un'assunzione di farmaci più mirata. Questi risultati sono stati largamente divulgati in importanti riviste internazionali e nel corso di diverse conferenze.

Informazioni correlate