Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

FP6

POX-GENE — Risultato in breve

Project ID: 18680
Finanziato nell'ambito di: FP6-LIFESCIHEALTH
Paese: Paesi Bassi

Il trattamento delle infezioni da HIV

Il team di un progetto finanziato dall'UE è riuscito a sviluppare metodi per la somministrazione di un vaccino terapeutico e per proteggere le cellule umane dall'infezione da HIV; questo risultato può aprire una nuova era per un trattamento più efficace e meno costoso dell'HIV.
Il trattamento delle infezioni da HIV
L'unico trattamento efficace attualmente disponibile per le persone affette da HIV è l'HAART, una terapia antiretrovirale altamente attiva che comunque non elimina il virus e la cui somministrazione a vita non sempre è possibile a causa dei costi elevati. L'infezione da HIV, che colpisce milioni di persone in tutto il mondo, impone con urgenza la scoperta di nuove terapie; la natura dell'infezione da HIV-1, in particolare, impone diverse problematiche per lo sviluppo di vaccini con poxvirus che siano in grado di indurre una potente risposta immunitaria.

Con il progetto Pox-Gene ("A combined pox-virus/lentiviral vector system to treat HIV infection. Immunisation and direct in vivo gene transfer in T lymphocytes") sono state sfruttate le conoscenze e già acquisite e i progressi della bioingegneria avanzata per la creazione di un vettore poxvirus che consenta il rilascio di geni con capacità inibitoria dell'HIV. Il team del progetto è riuscito a realizzare questi obiettivi utilizzando come vettore il virus Vaccinia (un grosso virus complesso, ricoperto di pericapside), assegnandogli un doppio ruolo: somministrare il vaccino terapeutico e trasferire i geni direttamente in vivo.

I vettori creati dai partner del progetto Pox-Gene contengono tutte le informazioni necessarie alla produzione di vettori retrovirali in grado di fornire un gene antivirale. Il team, inoltre, ha creato un gene antivirale che è in grado di proteggere efficacemente le cellule dall'infezione da HIV; le nuove cellule T memoria attivate sono protette dalla trasduzione di particelle rilasciate in vivo.

Il team si è impegnato a fondo per ottimizzare e caratterizzare sistemi sperimentali per la valutazione in vitro e in vivo della strategia Pox-gene, ma la conclusione di queste attività richiede ancora molto lavoro.

Gli esiti del progetto saranno di particolare importanza per il trattamento dell'infezione da HIV e implicheranno una riduzione dei costi e il ricorso sempre minore alla terapia HAART; il risultato più eclatante, però, consiste nella possibilità di impiegare il vettore sviluppato a livello globale, anche nei paesi in via di sviluppo, dove se ne registra il massimo bisogno.

Informazioni correlate