Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

FP6

NEWTBDRUGS — Risultato in breve

Project ID: 18729
Finanziato nell'ambito di: FP6-LIFESCIHEALTH
Paese: Germania

Nuovi farmaci per la tubercolosi persistente

I ricercatori europei hanno identificato nuovi bersagli farmacologici per i ceppi resistenti di Mycobacterium tuberculosis; i risultati del progetto potrebbero produrre importanti sviluppi per la realizzazione di farmaci efficaci.
Nuovi farmaci per la tubercolosi persistente
La tubercolosi è una malattia infettiva tra le più mortali, causata dal batterio Mycobacterium tuberculosis; i pazienti sono spesso asintomatici, ma se non vengono trattati la malattia è mortale nel 50% dei casi. Anche se il trattamento antibiotico eradica la malattia, inoltre, se la terapia a lungo termine non viene seguita correttamente può causare lo sviluppo di ceppi batterici farmacoresistenti. L'emergenza da HIV, inoltre, ha diminuito sensibilmente la percentuale di successi del trattamento con gli antibiotici attualmente disponibili.

Il progetto Newtbdrugs ("New drugs for persistent tuberculosis: Exploitation of 3-D structure of novel targets, lead optimisation and functional in-vivo evaluation") era finalizzato allo sviluppo di nuovi farmaci per contrastare i problemi insiti nel trattamento della tubercolosi. I partner hanno identificato bersagli farmacologici del Mycobacterium tuberculosis, responsabile della persistenza della malattia, risolvendone la struttura tridimensionale, ottenendo risultati che potrebbero essere utili per lo sviluppo di farmaci in grado di eradicare l'infezione.

A causa della mancanza di metodi di rilevamento sensibili della tubercolosi, molti pazienti sono inconsapevoli dell'infezione, per cui il consorzio ha sviluppato nuovi saggi per lo screening rapido e specifico del Mycobacterium tuberculosis farmacoresistente, e ha identificato alcuni composti esclusivi che uccidono i batteri resistenti alla rifampicina, un antibiotico di uso comune.

I risultati degli studi, inoltre, hanno rivelato che il Mycobacterium tuberculosis persistente è metabolicamente attivo, per cui gli scienziati hanno proposto la chemioterapia come regime terapeutico alternativo agli antibiotici inefficaci.

Lo studio ha contribuito notevolmente all'ampliamento delle conoscenze biologiche della persistenza della tubercolosi, indirizzando le ricerche farmacologiche verso composti più efficaci che miglioreranno il trattamento dell'infezione latente da Mycobacterium tuberculosis.

Informazioni correlate