Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

La gru: croce e delizia

Le gru sono uno strumento fondamentale nei porti moderni, ma i gruisti sono sottoposti a una buona dose di stress che influenza la loro efficienza. Toglierli dalla cabina e metterli in una sala operativa remota può contribuire a incrementare le loro prestazioni e migliorare le loro condizioni di lavoro.
La gru: croce e delizia
Visto il costante bisogno di sollevare carichi pesanti, le gru e i gruisti sono elementi fondamentali per il successo di ogni porto. In realtà le gru sono spesso meno efficienti e produttive, in termini di sollevamenti all'ora, di quanto credano i produttori e le autorità portuali. Uno dei fattori chiave nella perdita di efficienza sono lo stress e la tensione provati dai gruisti a causa della forte vibrazione della cabina e dell'attenzione che devono costantemente prestare all'oscillazione del carico.

In consultazione con i gruisti e le autorità portuali, il progetto Securcrane ("Design of an innovative system for the drive and control of port cranes for safe remote operation"), sostenuto dall'UE, mirava non solo a migliorare le prestazioni generali delle persone addette alle gru, ma anche le loro condizioni di lavoro, la sicurezza e l'incolumità. Ha fatto ciò sviluppando un sistema remoto di controllo della gru, tridimensionale e in tempo reale, che permetterebbe al gruista di far funzionare la gru senza sedere nella cabina. Utilizzando un'intelligenza artificiale high-tech e tecnologie di visione artificiale, questo innovativo sistema simula la situazione nella cabina come se l'operatore si trovasse al suo interno.

Uno dei motivi per cui i sistemi remoti non sono ad oggi stati introdotti in maniera diffusa è l'assenza di sistemi di percezione efficaci e dispositivi reattivi anti-oscillazione. Il sistema Securcrane includeva moduli anti-oscillazione e di controllo del carico che funzionano automaticamente senza bisogno dell'intervento umano. La componente di controllo del carico è costituita da sensori, soprattutto videocamere posizionate in punti strategici sulla struttura della gru, che monitorano da diversi punti di vista e angolazioni ogni container manovrato.

Il sistema è adatto a vari tipi di gru e ha superato nella prestazione le alternative disponibili sul mercato. È comunque necessario un ulteriore perfezionamento prima che il sistema possa essere completamente commercializzato. Il modulo di controllo a distanza ha applicazioni potenziali anche nei settori di trasporto, logistica, sicurezza e difesa.

Informazioni correlate