Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

Cattura del CO2: verso un'energia più pulita

La cattura dell'anidride carbonica (CO2) durante la combustione del carburante nelle centrali elettriche può contribuire a contrastare il riscaldamento globale. I ricercatori europei hanno lavorato per perfezionare le tecnologie che consentono di ottenere la cattura di CO2.
Cattura del CO2: verso un'energia più pulita
I combustibili fossili sono ancor oggi la fonte di energia più largamente utilizzata a livello globale e contemporaneamente rappresentano la fonte principale delle emissioni di gas serra, responsabili del riscaldamento globale. Per ridurre le emissioni di CO2 sono state sviluppate tecnologie che consentono di catturare l'anidride carbonica prima o dopo la combustione dei carburanti.

In quest'ottica, il progetto ENCAP (Enhanced capture of CO2), finanziato dall'UE, ha cercato di sviluppare e convalidare numerose tecnologie e processi di precombustione del CO2 per la generazione di energia basata sui combustibili fossili, principalmente antracite, lignite e gas naturale. Il consorzio ha visto la partecipazione di esperti sul campo e di altri soggetti interessati, che si sono dedicati alle attività di ricerca e sviluppo di tecnologie che consentissero un tasso di cattura del CO2 del 90 % e una riduzione dei costi del 50 %. Tra i processi studiati dal progetto Encap vi sono la decarbonizzazione precombustione, la combustione ossicombustibile, la combustione CLC e concetti innovativi di precombustione. L'obiettivo finale consisteva nell'integrazione di queste tecnologie nei sistemi energetici attualmente in uso.

L'iniziativa ha sottoposto a test con cattura integrata di CO2 il principio della decarbonizzazione precombustione del ciclo combinato di gassificazione integrata (IGCC) per antracite e lignite e il ciclo combinato di ricostituzione integrata (IRCC) per il gas naturale. Mentre le prove condotte su antracite e lignite hanno raggiunto gli obiettivi di cattura e di costo stabiliti dal progetto ENCAP, i test del gas naturale non hanno ottenuto risultati positivi.

Durante la combustione ossicombustibile, il carburante viene bruciato in presenza di ossigeno, senza gas di scarico contenenti azoto che vengono reimmessi nel sistema a temperatura moderata. Il consorzio ha testato numerose sostanze in grado di trasportare l'ossigeno ed è riuscito a catturare il 90 % del CO2 generato, rispettando l'obiettivo di riduzione dei costi fissato da ENCAP.

Sono emersi risultati promettenti dalle prove condotte sulla combustione CLC, con un impatto limitato dal punto di vista energetico. La tecnologia, tuttavia, non ha ancora raggiunto la maturità tecnica ed è ancora lontana dall'implementazione nelle grandi centrali elettriche. Per quanto riguarda le tecnologie innovative di precombustione, i membri del progetto hanno condotto test su numerose idee di processo, rilevando che se da un lato i cicli del carbone e del gas hanno raggiunto una percentuale di cattura del CO2 del 90 %, la riduzione dei costi è stata però ottenuta solo con i sistemi IGCC a carbone.

In sintesi, il progetto ENCAP ha contribuito alla creazione dello Spazio europeo della ricerca (SER) per la cattura del CO2 e ha potenziato la competitività europea in questo settore. I risultati del progetto offrono ampie potenzialità di sfruttamento a livello commerciale nel settore ed eserciteranno un impatto positivo sull'ambiente.

Informazioni correlate