Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

FP6

MAGGIE — Risultato in breve

Project ID: 28571
Finanziato nell'ambito di: FP6-CITIZENS
Paese: Francia

Vecchiaia appagata per gli europei?

La qualità della vita in età avanzata è influenzata da una serie di fattori relativi alle nostre vite personali e professionali. Un team di ricercatori ha studiato a fondo questo argomento, aggiungendo il fattore genere all'insieme.
Vecchiaia appagata per gli europei?
Il progetto Maggie ("Major ageing and gender issues in Europe") ha analizzato gli indicatori di qualità della vita tra la popolazione over 60. Il progetto, finanziato dall'UE, mirava a rivelare le differenze di genere e i fattori condizionanti per produrre informazioni che possano essere utilizzate al fine di ispirare lo sviluppo di politiche ed evidenziare i gruppi più vulnerabili. Partendo dalla premessa che le differenze di genere nella qualità della vita siano forgiate dal contesto socioculturale, alle politiche nazionali e dell'UE viene riconosciuto un ruolo fondamentale: il genere dell'Europa che invecchia ha forti implicazioni per la politica.

Dieci team di ricerca in tutta Europa hanno analizzato vari indicatori della qualità della vita tra la popolazione presa in esame, utilizzando come fonti principali dei dati l'Indagine su salute, invecchiamento e pensioni in Europa (SHARE - Survey of health, ageing and retirement in Europe) e l'Indagine su generazioni e genere" (GGS - Gender and generation survey). Queste sono state integrate con dati provenienti dall'ECHP ("European Community Household Panel") e dall'iniziativa FELICIE ("Future elderly living conditions in Europe") del Quinto programma quadro (5º PQ).

Sebbene il loro impatto sia differente tra i due generi e vari a seconda delle condizioni di vita e del contesto sociale e politico, la qualità della vita è influenzata dai fattori legati a condizioni di salute, sicurezza finanziaria, situazione familiare e integrazione sociale. I risultati dello studio hanno dimostrato che una buona integrazione familiare, finanze stabili e una buona salute influenzano positivamente il benessere di tutte le persone anziane.

I ricercatori hanno rilevato che per le donne la soddisfazione di vita è legata positivamente alla proprietà della casa, alle attività ricreative e alla qualità del trasporto e delle infrastrutture di zona, mentre per gli uomini i bambini hanno un ruolo più importante. Quest'ultima tendenza potrebbe essere interpretata come un desiderio di recuperare il tempo perduto: la divisione tradizionale dei compiti lavorativi portava normalmente la donna a occuparsi della casa e l'uomo a essere il principale o unico sostegno economico della famiglia.

Maggie ha identificato tre grandi distinzioni nelle nazioni europee. Le persone anziane nei paesi di lingua tedesca hanno in generale una posizione finanziaria più sicura, ma un "divario di genere" maggiore. Nell'Europa settentrionale e occidentale si è scoperto che le persone anziane sono maggiormente orientate agli amici e alle attività ricreative, mentre nell'Europa del sud godono di una salute migliore e sono più concentrati sulla famiglia. Sono anche state identificate diverse sottopopolazioni a rischio rispetto a una bassa qualità di vita: questi casi richiedono un'attenzione particolare da parte dei responsabili politici. Essi includono persone in precarie condizioni di salute, persone senza figli in Europa centrale, donne nord-europee in situazioni finanziarie instabili e donne sud-europee con contatti familiari meno frequenti.

Probabilmente le problematiche sono destinate a cambiare con le successive generazioni di persone anziane, dal momento che il modello maschile e quello femminile potrebbero nel tempo convergere a causa dell'accresciuta partecipazione delle donne al mercato del lavoro. Per questo i risultati di Maggie costituiscono un importante contributo alle discussioni su come l'interazione delle politiche - su pensioni, sicurezza sociale e sanità - sarà in grado di influenzare le differenze di genere nella qualità della vita.

Informazioni correlate