Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

FP6

CRAB — Risultato in breve

Project ID: 500536
Finanziato nell'ambito di: FP6-SME
Paese: Francia

Strategie migliori contro il biofouling per l'acquacoltura

La crescita di alghe e molluschi sulle strutture marine, detto biofouling, può fare scempio dell'acquacoltura, per cui è stato proposto un sistema più ecocompatibile e più sostenibile per rimuovere questi elementi estranei.
Strategie migliori contro il biofouling per l'acquacoltura
L'antifouling comprende la prevenzione o la rimozione dell'accumulo di microrganismi, piante e animali come molluschi, alghe e piante che si accumulano sui gusci delle navi o negli impianti per la lavorazione del pesce. Il progetto CRAB ("Collective research on aquaculture biofouling"), finanziato dall'UE, era finalizzato a ridurre gli effetti tossici delle strategie antifouling tramite l'adozione di sistemi sostenibili.

Con il progetto sono state definite le problematiche scientifiche ed economiche dell'antifouling per l'acquacoltura, ad esempio per gli allevamenti ittici, proponendo tecniche più promettenti per risolverle. Si è provveduto, quindi, a valutare i requisiti e a interpellare gli utenti finali per delineare gli effetti del biofouling sulle infrastrutture e sulle specie di allevamento.

Le attività del progetto CRAB hanno incluso lo studio per lo sviluppo delle attuali tecnologie e l'esame del controllo biologico delle specie critiche, dei trattamenti basati su enzimi, dei materiali protettivi, dei rivestimenti, della zootecnia, delle pratiche di pulizia, del trattamento con i colori e dell'antifouling elettrochimico; sono stati valutati, inoltre, i materiali applicati alle superfici critiche nel settore dell'acquacoltura, sono stati eseguiti esperimenti negli allevamenti per valutare la pressione del biofouling e sono state sperimentate alcune soluzioni proposte. Con il progetto, inoltre, è stata condotta una valutazione dei rischi economici e ambientali delle tecnologie attuali e di tecnologie alternative, considerando la sicurezza, gli effetti sulla salute, le riserve ittiche e gli impatti economici globali.

Con il progetto CRAB sono stati delineati i migliori standard operativi nel settore e i risultati sono stati pubblicati attraverso il sito Web del progetto in un manuale sul biofouling. Le linee-guida erano incentrate sulle condizioni operative e sull'abbattimento dei costi, ma anche su criteri come l'integrità dei rivestimenti, l'efficienza e la sostenibilità dell'antifouling per la valutazione delle varie soluzioni.

Oltre alla divulgazione online, i risultati del progetto sono stati diffusi tramite articoli, conferenze e altri eventi, assieme a iniziative di formazione finalizzate a ottimizzare i vantaggi per l'industria e a garantire un settore dell'acquacoltura molto più sano.

Informazioni correlate