Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

FP6

EU-DEEP — Risultato in breve

Project ID: 503516
Finanziato nell'ambito di: FP6-SUSTDEV
Paese: Francia

Integrare le risorse energetiche distribuite nel sistema energetico attuale

Un consorzio europeo si è proposto di approfondire le principali problematiche correlate alla futura implementazione a larga scala delle risorse energetiche distribuite e alla fattibilità nel campo europeo dell'energia e dell'elettricità.
Integrare le risorse energetiche distribuite nel sistema energetico attuale
Anche se svariate iniziative politiche adottate in passato dall'UE, ad esempio la liberalizzazione dei mercati dell'energia, l'uso di fonti energetiche rinnovabili e la sicurezza degli approvvigionamenti energetici, hanno promosso la crescita delle risorse energetiche distribuite (DER - distributed energy resources) in Europa, diversi ostacoli tecnici e di altro tipo hanno impedito una distribuzione massiccia e una penetrazione profonda nel mercato.

Un gruppo di otto enti energetici europei si sono riuniti nel progetto EU-DEEP (European Distributed Energy Partnership) per abbattere gran parte di questi ostacoli. Tramite associazioni di professionisti, organizzazioni di ricerca, produttori, enti nazionali e la partecipazione di un ente bancario, hanno adottato una metodologia finalizzata a incentivare la domanda, piuttosto che concentrarsi sugli aspetti tecnici, allo scopo di contribuire ad accelerare l'implementazione a larga scala delle risorse energetiche distribuite in Europa. Per realizzare questo obiettivo, i partner originariamente hanno definito cinque segmenti di mercato che avrebbero potuto trarre beneficio dalle risorse energetiche distribuite e hanno incoraggiato la ricerca e lo sviluppo (R&S) necessari per adattare le relative tecnologie alle esigenze.

L'obiettivo principale del progetto EU-DEEP era la progettazione, lo sviluppo e la sperimentazione di una nuova tecnologia basata sui requisiti dei futuri mercati dell'energia ed escogitare soluzioni commerciali innovative per promuovere la distribuzione in Europa delle risorse energetiche distribuite entro il 2010.

Il progetto di ricerca finanziato dall'UE si è quindi concentrato sugli ostacoli all'integrazione nel mercato, all'adattamento delle normative, alle tecnologie per il collegamento alla rete, all'impatto sulla rete e ai sistemi di risorse energetiche distribuite. Per compiere reali progressi in questi settori, i partner del progetto erano concordi sulla necessità di produrre soluzioni intraprendenti, ovvero nuove opportunità commerciali a favore dell'integrazione delle risorse energetiche distribuite nella rete, specifiche di sistema che consentono il collegamento sicuro di altri impianti di risorse energetiche distribuite alla rete, raccomandazioni relative alle regole di mercato a sostegno di percorsi di aggregazione studiati e approfondimenti sull'effetto della massiccia penetrazione delle risorse energetiche distribuite nella rete e sul rendimento del mercato dell'elettricità.

I partner del progetto hanno valutato le tecnologie delle risorse energetiche distribuite in relazione alle fonti intermittenti di energia rinnovabile, considerando calore ed energia, la flessibilità della domanda e i tipi di società più importanti per gli obiettivi del progetto. Il progetto EU-DEEP è riuscito ad apportare utili progressi alla conoscenza per quanto riguarda le soluzioni tecniche, economiche e impiantistiche per l'integrazione delle risorse energetiche distribuite nell'attuale sistema energetico, opportunità commerciali per valorizzare adeguatamente gli impianti di risorse energetiche distribuite e le condizioni strutturali che catalizzeranno in futuro lo sviluppo delle risorse energetiche distribuite sostenibili.

La ricerca ha inoltre prodotto alcune raccomandazioni sulle regole di dimensionamento per futuri progetti dimostrativi e la riproduzione di esperimenti e condizioni per una massiccia distribuzione delle risorse energetiche distribuite per quanto riguarda l'eliminazione del carbonio dalla produzione di elettricità entro il 2020, e una distribuzione più equilibrata degli oneri correlati all'uso del sistema.

Informazioni correlate