Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

FP6

REFLEX — Risultato in breve

Project ID: 506352
Finanziato nell'ambito di: FP6-CITIZENS
Paese: Paesi Bassi

La nuova società della conoscenza richiede un cambiamento nell'istruzione superiore

L'istruzione superiore rivestirà un ruolo fondamentale nella costruzione della società della conoscenza. Ci sono comunque importanti informazioni e conoscenze che dovranno essere condivise con altre realtà coinvolte, che forgeranno infine la forza lavoro competente e istruita dell'Europa.
La nuova società della conoscenza richiede un cambiamento nell'istruzione superiore
Il progetto Reflex ("The flexible professional in the knowledge society new demands on higher education in Europe") è stato istituito per contribuire a fare luce sui bisogni che emergono mentre l'Europa e il resto del mondo si muovono verso una società della conoscenza. La ricerca e le altre attività del progetto si sono concentrate sui laureati e sugli istituti di studi superiori, nonché sulle interazioni tra queste due realtà che potrebbero causare tensioni, dal momento che tutti gli attori principali (inclusi i datori di lavoro) si muovono separatamente per raggiungere i propri obiettivi.

Evidenziando il bisogno emergente di professionisti flessibili e le sfide che ciò comporta, i partner del progetto hanno analizzato in che modo il metodo di organizzazione del lavoro nelle aziende e nelle organizzazioni influenzi le aspettative nei confronti dei laureati e la capacità di quest'ultimi di rispondere ad esse. La maggior parte dell'attività del progetto finanziato dall'UE, eseguita in 16 paesi, è stata rappresentata da un'indagine di larga portata su circa 70.000 laureati.

Per ogni paese è stato estratto un campione rappresentativo dei laureati dell'anno 1999/2000 in programmi particolari. La relazione prodotta comprendeva una distinzione di massima tra programmi di educazione superiore che offrono accesso diretto al dottorato (programmi di secondo livello) e quelli che non lo offrono (programmi di primo livello). I risultati indicano che, in generale, i laureati dei sistemi di istruzione superiore europei se la cavano bene sul mercato del lavoro, con il capitale umano prodotto utilizzato sul mercato del lavoro. La maggior parte dei laureati riferiva che le loro capacità e conoscenze venivano sufficientemente usate; ma un laureato occupato su quattro osservava che ciò non avveniva per le competenze.

Altri risultati indicavano il pericolo di un collegamento debole tra programmi di istruzione superiore e particolari aree dell'occupazione. Un esempio di ciò era evidente nel caso del Regno Unito: rispetto alla maggior parte dei paesi studiati, una media più alta di laureati aveva un lavoro di livello inferiore, o nel quale le conoscenze e capacità non erano completamente utilizzate.

Esaminando i risultati positivi del mercato del lavoro, Reflex ha potuto mettere in relazione un alto livello di esperienza professionale con gli stipendi e il reale utilizzo delle capacità, nonché con la mobilitazione delle risorse umane; la prima richiede un ulteriore sviluppo dell'organizzazione dell'istruzione superiore, mentre l'importanza della seconda dev'essere riconosciuta rispetto alle opportunità occupazionali, all'uso delle capacità e agli stipendi, che a loro volta facilitano l'ulteriore sviluppo delle competenze di un individuo. Una scoperta degna di nota è stata che la flessibilità funzionale non è positivamente connessa alla maggior parte dei risultati. Le competenze relative sembrano proteggere i laureati in situazioni che richiedono flessibilità, senza che il mercato del lavoro li ricompensi realmente o direttamente per la loro capacità di adattarsi.

Lo studio ha anche esaminato a fondo le modalità d'insegnamento, il valore relativo di programmi impegnativi, importanti esperienze di lavoro, genere, età e voti: tutto ciò in relazione ai risultati sul mercato del lavoro.

Basandosi sulle conclusioni dello studio, i ricercatori hanno identificato varie implicazioni politiche importanti, tra l'altro, per la Commissione europea, i governi nazionali, le istituzioni di istruzione superiore e gli studenti universitari. Sono state presentate raccomandazioni dettagliate per ogni gruppo di interesse, che hanno il potenziale di ispirare migliori iniziative decisionali e politiche sulla strada verso la formazione dei lavoratori di domani.

Informazioni correlate