Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

FP6

VACCINES4TB — Risultato in breve

Project ID: 12175
Finanziato nell'ambito di: FP6-LIFESCIHEALTH
Paese: Danimarca

Lancio di una nuova offensiva mediante un vaccino contro la TB

La base per un vaccino efficace contro la tubercolosi (TB) è ora una realtà grazie alla ricerca da parte di un progetto finanziato dall'UE.
Lancio di una nuova offensiva mediante un vaccino contro la TB
La TBC si classifica ancora come una delle cause principali di malattia e mortalità in tutto il mondo. Vi è quindi un urgente bisogno di scoprire un vaccino efficace contro il bacillo causale, il Mycobacterium tuberculosis (M. tuberculosis). Per sviluppare un vaccino efficace sono necessari antigeni e i rispettivi epitopi capaci di suscitare una risposta immunitaria appropriata contro l'infezione.

Gli effetti dei micobatteri possono essere neutralizzati dalle cosiddette cellule T citotossiche CD8. Le cellule T citotossiche (CTL), altrimenti note come cellule killer o linfociti T CD8, distruggono le cellule infettate da agenti patogeni. Sebbene siano efficaci contro altri micobatteri, la ricerca precedente non aveva individuato molte risposte delle CTL contro il batterio M. Tuberculosis.

Lo scopo del progetto Vaccines4TB ("Genome- and HLA- wide scanning and validation of cytotoxic CD8 T cell responses against Mycobacterium tuberculosis") finanziato dall'UE è stato costituito dall'identificazione delle proteine in grado di stimolare una risposta immunitaria contro il batterio. Gli scienziati del progetto si sono concentrati sul complesso di istocompatibilità principale delle CTL dell'antigene leucocitario umano (HLA) responsabili della codifica delle proteine che presentano l'antigene.

Sono stati impiegati due metodi di screening a resa elevata. Nel primo metodo, la "rivelazione dell'antigene a valle" è costituita da un processo in cui l'intero genoma del batterio M. tuberculosis è sottoposto a screening, al fine di giungere ad una codifica delle proteine bersaglio per le risposte delle CTL. Nel secondo metodo, la "rivelazione dell'antigene a monte" seleziona, mediante mezzi computazionali, proteine che potrebbero contenere epitopi delle CTL. Gli epitopi sono quindi convalidati legandosi al sistema HLA1 e confermati mediante risposte delle CTL derivanti da pazienti affetti da TB.

I ricercatori del progetto Vaccines4TB hanno scoperto poco meno di 130 epitopi che si adattano in modo ottimale. Il progetto ha altresì generato una libreria completa che rappresenta un particolare ceppo di M. tuberculosis per lo screening dei campioni di sangue. Gli studi di immunizzazione che utilizzano esemplari di topi sono stati eseguiti anche utilizzando i due epitopi più promettenti.

Contro la TB è stata sviluppata una piattaforma europea a base genomica/proteomica per l'antigene e l'epitopo. Tale risultato rappresenta un quadro formidabile per lo sviluppo di nuovi vaccini e dell'immunoterapia destinati a frenare il corso distruttivo del batterio, soprattutto nei paesi del terzo mondo.

Informazioni correlate