Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

FP6

INDABIP — Risultato in breve

Project ID: 37050
Finanziato nell'ambito di: FP6-LIFESCIHEALTH
Paese: Spagna

Diagnosi precoce del morbo di Parkinson

Riuscire a capire i fattori di sensibilità a una determinata malattia è fondamentale per giungere alla diagnosi precoce e all'identificazione tempestiva di terapie preventive. Le più importanti piccole e medie imprese (PMI) europee hanno unito le forze per identificare molecole utilizzabili per rilevare la presenza del morbo di Parkinson prima del suo manifestarsi.
Diagnosi precoce del morbo di Parkinson
Molte patologie neurodegenerative sono precedute da una fase presintomatica, che può durare anche vari anni, durante la quale la degenerazione e la morte dei neuroni si verifica prima che emergano sintomi clinici. Una delle sfide maggiori che deve affrontare la ricerca clinica consiste nel riuscire a identificare questi segnali precoci e a sviluppare strategie di trattamento preventive per controllare la patologia fin dagli stadi iniziali, e non solo dopo che il paziente ha subito danni neurologici irreparabili.

Alla luce di queste considerazioni, il progetto Indabip ("Innovative diagnostic approaches for biomarkers in Parkinson disease") ha cercato di identificare i biomarcatori che consentono di diagnosticare precocemente questa malattia. Più specificamente, gli scienziati hanno cercato di valutare il potenziale di proteine, mRNA ed RNA di maturità differenziata per utilizzarli nei test diagnostici ricollegabili all'insorgenza della disfunzione cellulare delle aree cerebrali intaccate dal morbo di Parkinson. Questo approccio permetterebbe infatti di individuare gli individui a rischio sia per l'insorgenza sia per la progressione della malattia.

I partner del progetto hanno eseguito analisi dell'espressione genetica di parti del cervello provenienti da pazienti affetti dal morbo, rilevando molecole che potrebbero essere utilizzate per modificare il corso dello sviluppo della malattia. I ricercatori hanno eseguito una caratterizzazione completa di questi possibili biomarcatori e dei risultati sperimentali della loro inibizione nei modelli preclinici.

I risultati del progetto Indabip gettano nuova luce sul meccanismo alla base delle disfunzioni fondamentali dei neuroni dopaminergici e di altri tipi di neuroni obiettivo che provocano il morbo di Parkinson, senza dimenticare la loro rilevanza anche per altri tipi di malattie. Nel complesso, l'identificazione di biomarcatori precoci potrà essere utilizzata come strumento diagnostico molecolare della patologia e contribuirà a trovare nuovi obiettivi farmacologici per la terapia.

Informazioni correlate