Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

FP6

CLANDESTINO — Risultato in breve

Project ID: 44103
Finanziato nell'ambito di: FP6-POLICIES
Paese: Grecia

Il problema della migrazione illegale

A causa delle piaghe economiche e naturali che opprimono il mondo, i cittadini dei paesi del terzo mondo emigrano in massa per raggiungere l'Europa con il miraggio di una vita migliore, e l'UE sta cercando mezzi migliori per valutare la situazione e attuare politiche appropriate;
Il problema della migrazione illegale
l'immigrazione clandestina nell'Unione Europea, infatti, è diventata una problematica socioeconomica di primaria importanza che potrebbe gravare sulla società e ripercuotersi sugli standard di vita dei cittadini Europei. Il progetto Clandestino ("Irregular migration: Counting the uncountable. Data and trends across Europe"), finanziato dall'UE, ha sostenuto i politici nell'articolazione di politiche adeguate su questo problema; sono stati acquisiti dati e cifre sulla migrazione clandestina in vari paesi, sottoponendo queste informazioni a un'analisi approfondita.

I Paesi coinvolti in questo fenomeno sono Repubblica ceca, Germania, Spagna, Francia, Italia, Ungheria, Paesi Bassi, Austria, Polonia, Slovacchia e Regno Unito, ma con il progetto sono stati presi in considerazione anche i paesi di transito, specialmente il Marocco, la Turchia e l'Ucraina, per studiare i meccanismi e le dinamiche con cui i migranti si spostano in questi Paesi e all'interno dell'UE.

Con il progetto Clandestino, inoltre, sono stati analizzati diversi metodi per stimare la popolazione migrante ed è stato ideato un nuovo sistema per valutare l'emigrazione clandestina tramite un apposito database contenente i dati sulle popolazioni migranti in ogni Paese e le normative che riguardano la migrazione clandestina; il database, inoltre, consente di analizzare le politiche di ogni Paese coinvolto in questo fenomeno e formulare raccomandazioni politiche per ognuno di essi. Sono state definite anche alcune direttive politiche per i tre paesi di transito.

Con il progetto è stata intrapresa un'analisi comparativa per ogni Paese, in cui è stata valutata la portata della migrazione irregolare, sono stati esaminati i metodi di raccolta, la definizione di illegalità, le politiche di controllo e altri importanti argomenti; con il progetto Clandestino sono stati preparati, quindi, sei articoli della ricerca relativi ai diversi aspetti dell'emigrazione irregolare.

Questi articoli, le direttive politiche e i risultati sono stati riuniti in un volume intitolato "Irregular migration in Europe: Myths and realities", disponibile in libreria. Con il progetto, inoltre, sono stati forniti importanti contributi alla rivista International Migration, e sono stati organizzati seminari in Grecia e nel Regno Unito, e visite nei Paesi coinvolti in questo fenomeno per divulgare i risultati alle organizzazioni non governative, ai politici, ai think-tank e ai giornalisti; per sostenere gli obiettivi del progetto, inoltre, sono stati instaurati appositi contatti con la Commissione europea. La pletora di informazioni prodotte con il progetto Clandestino molto probabilmente daranno forma negli anni a venire a una politica europea sull'emigrazione.

Informazioni correlate