Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

FP6

SERBPARZOON — Risultato in breve

Project ID: 43702
Finanziato nell'ambito di: FP6-LIFESCIHEALTH

Migliorare il rilevamento delle zoonosi nella regione balcanica

Il controllo delle zoonosi di origine parassitaria esige un monitoraggio costante e strategie di rilevamento. Per affrontare il problema della diffusione delle malattie degli animali a livello regionale e internazionale, l'UE ha finanziato un potenziamento del Centro serbo per le zoonosi di origine parassitaria.
Migliorare il rilevamento delle zoonosi nella regione balcanica
Durante gli ultimi decenni, i paesi dei Balcani occidentali (WBC) hanno subito una serie di conflitti e devastazioni che hanno consentito alle parassitosi di riemergere, ponendo una grave minaccia alla salute pubblica e degli animali. L'aumento delle interazioni tra uomo e animale, insieme ai viaggi e alle migrazioni, aggrava la probabilità dell'insorgenza di zoonosi. Di conseguenza, le iniziative congiunte a livello internazionale costituiscono un prerequisito per tenere sotto controllo e sradicare le zoonosi di origine parassitaria.

Premesso tale concetto, il progetto Serbparzoon ("Reinforcement of the Serbian Centre for Parasitic Zoonoses" (Serbparzoon) ha lavorato per rafforzare le capacità del Centro serbo per le zoonosi di origine parassitaria (SCPZ) presso l'Istituto per le ricerche mediche (IMR) di Belgrado. Con questa operazione, l'Istituto fungerà da punto centrale per la vigilanza e il controllo delle zoonosi di origine parassitaria nella regione balcanica.

Le attività e i risultati di SCPZ sono stati promossi a livello nazionale, regionale (WBC) ed europeo attraverso opuscoli educativi, una giornata "porte aperte" e conferenze regionali. Inoltre, il progetto Serbparzoon ha presentato le sue risorse, le sue realizzazioni e i suoi partner in un seminario e in occasione di una conferenza scientifica internazionale incentrata sulle zoonosi di origine parassitaria particolarmente rilevanti nell'Europa sud-orientale. La conferenza ha riunito alcuni tra i più eminenti esperti dell'UE, che hanno esposto le ricerche correnti sulla trichinosi, sulla toxoplasmosi e altre malattie trasmesse da vettori.

Tra le altre importanti attività svolte, il progetto ha previsto la formazione continua del personale sulle attrezzature appena acquisite e sull'epidemiologia, nonché l'acquisizione e l'omologazione di tecnologie molecolari e metodologie per il rilevamento delle zoonosi.

Il progetto Serbparzoon ha contribuito ad ammodernare e potenziare le strutture per il rilevamento delle zoonosi e, al tempo stesso, ha sensibilizzato sulla minaccia alla salute costituita da tali malattie infettive. Ci si attende pertanto una riduzione della diffusione delle zoonosi e un miglioramento della salute pubblica e degli animali nella regione balcanica.

Informazioni correlate