Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

FP6

OMVAC — Risultato in breve

Project ID: 37653
Finanziato nell'ambito di: FP6-LIFESCIHEALTH
Paese: Austria

Un nuovo vaccino per il mal d'orecchie infantile

Il dolore provocato da un'infezione dell'orecchio medio può essere molto invalidante per un bambino e provocare condizioni altamente indesiderabili, tra cui la sordità e acufene. I ricercatori europei hanno identificato gli antigeni che potrebbero essere utilizzati per la produzione di vaccini contro l'otite media.
Un nuovo vaccino per il mal d'orecchie infantile
L'otite media è un'infezione secondaria molto frequente dopo un raffreddore o un'influenza. I principali batteri responsabili sono attualmente la Moraxella catarrhalis (M. catarrhalis) e l'Haemophilus influenza (H. influenza). L'introduzione di vaccini pneumococcici per la prevenzione delle infezioni secondarie associate alla polmonite da Streptococco, un altro pericoloso batterio, sembra aver aumentato l'impatto delle altre due specie di microorganismi.

A causa del dolore e del disagio, i medici fanno spesso ricorso agli antibiotici, che tuttavia non si dimostrano adeguati per la presenza di forme resistenti alle terapie. Per questo motivo, il progetto OMVAC, finanziato dall'UE, ha cercato di evitare il ricorso agli antibiotici studiando terapie alternative efficaci.

I ricercatori del progetto hanno cercato di identificare gli antigeni delle proteine per sviluppare un vaccino profilattico. Questo tipo di soluzione non solo presenterebbe il vantaggio di essere preventiva, ma eviterebbe anche gli alti costi associati al trattamento delle condizioni croniche che possono svilupparsi in seguito, come la perdita dell'udito e la congiuntivite.

Utilizzando batteri H. influenza (NTHi) e M. catarrhalis (Mcat) non tipizzabili, gli studiosi hanno ottenuto antigeni proteina impiegati nel test dei modelli animali pre-clinici, convalidandoli con procedure sierologiche, genetiche, genomiche e bioinformatiche.

Il progetto OMVAC è riuscito a identificare nuovi antigeni che potrebbero essere brevettabili e le future iniziative di ricerca consentiranno di ottenere dati sull'efficacia preclinica e la sicurezza necessari per il loro utilizzo nei vaccini profilattici.

La medicina pediatrica conseguirà certamente notevoli vantaggi dal successo di questa iniziativa. Un vaccino sostenibile per l'otite media permetterebbe di ridurre il ricorso agli antibiotici e l'insorgenza di gravi complicazioni nei successivi anni di vita dei pazienti.

Informazioni correlate