Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

FP6

EDIM — Risultato in breve

Project ID: 502111
Finanziato nell'ambito di: FP6-POLICIES
Paese: Francia

Valutare nuovi scenari politici per il latte e i latticini

Occorre analizzare e misurare l'impatto delle riforme delle politiche nazionali e internazionali che interessano l'industria lattiero-casearia in Europa. Un team di ricercatori finanziato dall'UE ha sviluppato una serie di strumenti per simulare questo impatto degli scenari politici alternativi.
Valutare nuovi scenari politici per il latte e i latticini
L'industria lattiero-casearia europea deve affrontare grandi cambiamenti a seguito di varie riforme politiche e agli effetti dell'allargamento dell'UE. È stato sviluppato uno strumento che rappresenta l'industria lattiero-casearia dell'UE per analizzare e valutare l'impatto di queste riforme sui mercati del latte e dei latticini. Questo modello si riferisce all'UE-25, 18 gruppi di paesi e altre zone importatrici importanti, e distingue inoltre 14 prodotti lattiero-caseari finali. Tenendo conto degli strumenti politici utilizzati nella politica lattiero-caseario europea, esso fornisce risultati per il periodo dal 2004 fino al 2014 e riguarda la produzione, esportazione, importazione, consumo e prezzi per il latte e i prodotti lattiero-caseari in ogni regione.

Dal 1984 le quote di produzione del latte hanno caratterizzato la politica agricola dell'UE, con la riforma del 2003 che proroga il regime delle quote fino al 2015. Tuttavia, il settore lattiero-caseario del continente continua a essere sfidato da riforme nazionali nonché internazionali. Quando fu istituito il progetto EDIM ("European dairy industry model"), le indicazioni erano che le misure di sostegno dei prezzi sarebbero state ridotte e le sovvenzioni alle esportazioni - sulle quali il settore lattiero-caseario si basa molto - sarebbero state progressivamente eliminate. Al tempo stesso, l'UE ha cercato di sostituire le prime con strumenti politici della scatola verde. Un esempio di questa iniziativa è stata una riforma del 2003 della Politica agricola comune (PAC) che ha introdotto un pagamento disaccoppiato per tonnellata di quota latte come compensazione per i produttori di latte per i tagli dei prezzi garantiti per il burro e il latte scremato in polvere.

Per valutare le reazioni dei produttori di latte a tali cambiamenti politici, era importante stabilire se la differenza tra il prezzo del latte e il costo marginale (le cosiddette rendite da quote latte) era positiva e quali sarebbero state le loro dimensioni nei nuovi scenari politici. Rispondere a questa e ad altre domande sulle rendite da quote latte, è importante per misurare l'impatto sulla produzione e fornitura di latte, sul prezzo della produzione del latte, sui profitti delle aziende agricole e sulle curve dei costi marginali che rappresentano la curva di approvvigionamento "potenziale" che colpisce le decisioni relative alla produzione.

I membri del progetto EDIM hanno stimato i costi marginali e le rendite da quote latte per gli Stati membri UE-15 sulla base dei dati della rete di informazione contabile agricola (FADN)utilizzando due procedure di stima. Il loro approccio ha consentito la misurazione sia della dimensione del costo marginale sia la posizione di ciascuna azienda sulla sua curva del costo marginale. I risultati hanno quindi fornito chiarimenti fondamentali sul probabile impatto delle riforme politiche relative all'industria lattiero-casearia.

Informazioni correlate