Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

FP6

MYCOMANCY — Risultato in breve

Project ID: 37566
Finanziato nell'ambito di: FP6-LIFESCIHEALTH
Paese: Italia

Delineare dormienza del Mycobacterium tuberculosis

L'identificazione dei determinanti molecolari dello stato dormiente del micobatterio della turbercolosi (M.tuberculosis) è oggetto di molti sforzi di ricerca. Un progetto finanziato dall'UE ha sviluppato un saggio per lo studio dei micobatteri resistenti a condizioni di ipossia.
Delineare dormienza del Mycobacterium tuberculosis
Si stima che circa un terzo della popolazione umana sia infetta da tubercolosi latente. Tuttavia, la nostra comprensione dello sviluppo della dormienza del M.tuberculosis e della sua attivazione per indurre la malattia è limitata. Ciò ostacola lo sviluppo di farmaci che sono efficaci contro i batteri dormienti.

Il progetto Mycomancy (ʺTranscriptional regulation and cellular localization of mycobacterial cell cycle proteins during dormancyʺ) era finalizzato a migliorare la conoscenza del ciclo di vita del M.tuberculosis e identificare bersagli farmacologici.

I partner del progetto Mycomancy hanno sviluppato una serie di strumenti utili per lo studio del ciclo cellulare del M.tuberculosis e per comprendere la fisiologia di latenza. Sono stati prodotti anticorpi contro le varie proteine della divisione cellulare ed è stata testata la loro efficienza nei batteri in fase di crescita, dormienti e la crescita insufficiente.

Al fine di identificare nuovi geni micobatterici essenziali per la sopravvivenza ad una prolungata fase stazionaria, gli scienziati hanno proiettato una libreria di mutanti del ceppo non patogeno di M. smegmatis. I batteri sono stati sottoposti a condizioni anaerobiche e quelli che hanno dimostrato resistenza a ipossia sono stati isolati e studiati.

Ulteriori studi sulle proteine codificate da questi geni si prevede che aumentino la nostra conoscenza del meccanismo usato dai micobatteri per sopravvivere in un ambiente povero di ossigeno. Essi sono inoltre buoni candidati per lo sviluppo di farmaci attivi contro i batteri dormienti.

Informazioni correlate