Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

FP6

QUORUM — Risultato in breve

Project ID: 32811
Finanziato nell'ambito di: FP6-NMP
Paese: Italia

Quorum sensing di molecole per una migliore biofermentazione

Una nuova strategia per la produzione di metaboliti secondari su scala industriale utilizzando le molecole quorum sensing è stata oggetto di un progetto europeo.
Quorum sensing di molecole per una migliore biofermentazione
I batteri e i funghi reagiscono alla densità della popolazione e regolano l'espressione genetica utilizzando un approccio denominato Quorum Sensing (QS). Tale meccanismo consente loro di coordinare determinati comportamenti e serve essenzialmente come mezzo di comunicazione.

Un'iniziativa europea ha lavorato per identificare molecole coinvolte in tale processo, al fine di migliorare la produttività di bioprodotti fungini industrialmente importanti. Più specificamente, il progetto Quorum finanziato dall'UE ha seguito un approccio QS su nanoscala per comprendere meglio la fisiologia del fungo in sistemi agitati e come essi biosintetizzino prodotti di destinazione.

Utilizzando varie tecniche sperimentali (dalla genomica funzionale alla biologia molecolare e alla fisiologia fungina), i partner di progetto hanno scoperto molecole che regolavano la sporificazione e la produzione di metaboliti secondari, oppure coinvolte nella trasduzione del segnale. Tali molecole QS sono state aggiunte esogenamente a un coltura continua di Aspergillus terreus, al fine di formulare una strategia per una produzione potenziata di metaboliti secondari di rilevanza industriale. L'approccio ha determinato un miglioramento dei metaboliti commercialmente importanti, le laccasi.

Il progetto Quorum ha sviluppato anche sensori che potrebbero essere impiegati in bioreattori a miniscala e microscala, da cui si prevede che tragga vantaggio il settore della biotecnologia. I risultati pratici del progetto Quorum costituiscono progressi d'avanguardia nella produzione di enzimi e di sostanze chimiche nobili. Si ritiene che miglioreranno la competitività e la sostenibilità delle industrie europee.

Informazioni correlate