Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

FP6

INDEUNIS — Risultato in breve

Project ID: 516751
Finanziato nell'ambito di: FP6-INCO
Paese: Austria

Impariamo la lezione del progresso economico di chi ci ha preceduto

Un'iniziativa di ricerca comparativa finanziata dall'UE ha messo in evidenza le condizioni per una migliore integrazione economica con i nuovi Stati membri (NSM) e i nuovi Stati indipendenti (NSI). Le raccomandazioni formulate nell'ambito dello studio contribuiranno anche alla promozione del progresso per queste economie in transizione.
Impariamo la lezione del progresso economico di chi ci ha preceduto
La ricerca comparativa sui NSI (Bielorussia, Kazakhstan, Moldavia, Russia e Ucraina) e sui NSM relativamente alle rispettive economie in transizione è scarsa. I fautori del progetto Indeunis ("Industrial restructuring in the NIS: experiences of and lessons from the new EU Member States") si sono prefissati l'obiettivo di analizzare i due gruppi di Stati relativamente ai recenti modelli di ristrutturazione industriale e commerciale, di investimento estero diretto (IED) e di integrazione economica concernenti l'UE.

I ricercatori hanno rivolto la propria attenzione alla definizione del ruolo rivestito dai vari livelli di integrazione economica nell'avanzamento della transizione e della ristrutturazione economica, analizzando altresì le attività di investimento estero e osservando più da vicino le operazioni in termini di innovazione, di trasferimento di tecnologie, di pratiche di gestione e di cambiamenti nell'ambito della specializzazione a livello produttivo e commerciale.

I fautori del progetto Indeunis si sono inoltre dedicati all'analisi dell'eventualità di una cooperazione economica più serrata tra l'UE allargata e i NSI vicini, oltre che dell'opportunità di una più stretta integrazione economica nei NSI. Al fine di colmare i divari in termini di ricerca e di conoscenza, è stato creato un consorzio di ricerca internazionale teso all'analisi delle questioni summenzionate e all'elaborazione di conclusioni puntuali che possano apportare un contributo al dialogo e alle raccomandazioni in ambito politico.

L'iniziativa ha messo in evidenza il notevole progresso raggiunto dalla Russia e da altri NSI a livello di ristrutturazione e di integrazione, rivelando che, sebbene i NSI siano indietro rispetto ai NSM in termini di riforme e di ristrutturazione, queste realtà stanno seguendo percorsi di transizione pressoché simili. I risultati degli studi in quest'area di analisi sono stati utilizzati ai fini dell'elaborazione delle raccomandazioni politiche per i NSI: seguire il processo riformistico dei NSM e completare la transizione politica, individuando il migliore sostegno esterno disponibile.

Nonostante un piccolo divario nell'ambito dello sviluppo istituzionale, un cambiamento strutturale positivo e le relative implicazioni politiche future sostengono il continuo progresso in corso in termini di riforme dei mercati dei NSM. Inoltre, un'analisi delle esperienze dei NSM ha rivelato che la creazione di circostanze economiche generali favorevoli agli investitori nazionali ed esteri rappresenta un aspetto di importanza cruciale. Purtroppo, però, tale situazione non si è concretizzata per i NSI e, di conseguenza, lo sviluppo dell'economia sostenibile e in termini industriali e commerciali si è rivelato tardivo. I deboli afflussi di investimenti esteri diretti nei confronti dei NSI sono stati anch'essi considerati una carenza piuttosto grave.

Quanto all'integrazione e alla cooperazione economica, è necessario definire le condizioni tese a garantire un'ulteriore liberalizzazione reciproca e promozione della cooperazione industriale. L'UE e la Russia hanno bisogno di sviluppare una politica di vicinato coordinata che miri alla creazione di uno Spazio economico europeo comune (SEEC).

La rilevanza dei risultati del progetto Indeunis per la comunità scientifica, per lo scenario politico e per il grande pubblico contribuirà a promuovere la sensibilizzazione sull'importanza del commercio e degli investimenti esteri diretti per la ristrutturazione e per l'integrazione economica dei NSI nell'UE.

Informazioni correlate