Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

FP6

HIGINS — Risultato in breve

Project ID: 508232
Finanziato nell'ambito di: FP6-SME
Paese: Germania

Nuova bobina con inserto per campi magnetici elevati

I magneti superconduttori sono ampiamente utilizzati nella ricerca di base, nei sistemi a risonanza magnetica per immagini (RMI) e risonanza magnetica nucleare (NMR) per la diagnostica medica e le applicazioni energetiche. I ricercatori finanziati dall'UE hanno compiuto progressi importanti per aumentare i campi magnetici possibili con importanti implicazioni per lo sviluppo di nuovi prodotti.
Nuova bobina con inserto per campi magnetici elevati
I magneti superconduttori sono in grado di produrre campi magnetici di grandi dimensioni a causa della densità di corrente molto elevata (superconduttività), raggiungendo tale scopo con un fabbisogno energetico molto basso grazie alla resistenza elettrica minima.

Il loro potenziale non è stato ancora realizzato a causa delle limitazioni nella forza del campo magnetico creato (misurata in Tesla). Attualmente, i magneti più avanzati presentano una resistenza massima del campo di circa 21 Tesla (T) relativa al rendimento dei fili in bobina del superconduttore a bassa temperatura (LTS).

I ricercatori europei hanno deciso di superare questo limite conducendo un ricerca alla base del progetto Higins ("Highest magnetic field insert coil made from high temperature superconductors for a 25 Tesla break-through").

Combinando sezioni esterne LTS con sezioni interne di un superconduttore ad alta temperatura (HTS), i ricercatori hanno prodotto un magnete in grado di generare un campo di 18-19 T a una temperatura di 4,2 Kelvin. Il magnete Higins rappresenta uno dei campi più stabili attualmente disponibili e, sebbene non sia stato raggiunto un campo di 25 T, la fattibilità del concetto è stata chiaramente dimostrata.

Grazie alla disponibilità di nuovi conduttori con una densità di corrente fino a 4 volte maggiore (relativa al campo magnetico prodotto), la fattibilità di un magnete di 25 T è una possibilità innegabile nel prossimo futuro, a condizione che sia incluso un sostegno supplementare alle elevatissime forze generate.

Il progetto Higins ha compiuto progressi significativi nella comprensione della tecnologia necessaria per produrre un magnete superconduttore da 25 T. Tale scoperta può potenzialmente aprire la porta a una vasta gamma di nuove ricerche e sperimentazioni, rafforzando la posizione europea nella fornitura di magneti superconduttori e la sua posizione nel campo della ricerca e dello sviluppo (R&S).

Informazioni correlate