Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

FP6

EUROMAGNET — Risultato in breve

Project ID: 506239
Finanziato nell'ambito di: FP6-INFRASTRUCTURES
Paese: Paesi Bassi

Il "magnetismo europeo" ai nastri di partenza

High magnetic fields and pulsed magnetic fields represent technologies that have helped boost research in physics, chemistry, biology, materials science and biomedicine, among other disciplines.
Il "magnetismo europeo" ai nastri di partenza
I forti campi magnetici e i campi magnetici impulsivi rappresentano tecnologie che hanno aiutato a incrementare la ricerca in fisica, chimica, biologia, scienza dei materiali e biomedicina, per citare solo alcune discipline. Il progetto Euromagnet, finanziato dall'UE, ha riunito vari laboratori in tutta Europa per fare avanzare ulteriormente questa eccitante area di ricerca.

Il processo ha organizzato le possibilità di accesso internazionale ai differenti laboratori europei dedicati ai campi magnetici in Belgio, Germania, Spagna, Francia e Olanda. Sono state supportate due attività di ricerca congiunte (JRA, joint research activity) tra differenti parti interessate e consorzi, che hanno incoraggiato lo scambio di conoscenze sull'argomento. I vari centri sono stati in grado di fornire alle parti interessate internazionali campi magnetici statici con intensità sino a 33 T e campi magnetici impulsivi nell'intervallo 60–100 T.

Ambedue le JRA hanno aperto nuove strade alla ricerca correlata alla risonanza magnetica nucleare a campi forti (RMN) e alla spettroscopia a infrarossi (IR) nei campi impulsivi. La prima iniziativa mirava a sviluppare la spettroscopia RMN con campi magnetici molto intensi, nei magnati resistivi sino a 40 T e nei magneti impulsivi sino a 60 T, riunendo sotto uno stesso cielo tutte le iniziative europee dedicate alla RMN con campi di alta intensità. La seconda iniziativa mirava ad aggiornare le tecniche di spettroscopia IR con campi magnetici impulsivi nell'intervallo dei 20–100 T.

Per raggiungere tali obiettivi, il progetto ha dato origine a un programma di scambi che prevedeva visite di ricerca bilaterali e varie opportunità di formazione. Sono stati tenuti numerosi workshop su specifici argomenti di ricerca e nuovi approcci sperimentali, oltre alla creazione di una scuola per giovani scienziati che insegni la fisica relativa ai campi magnetici di forte intensità.

Sono stati inoltre effettuati numerosi interessanti esperimenti attraverso la rete di installazioni del progetto, che hanno consentito importanti scoperte e applicazioni legate a RMN e IR. Sul lungo periodo, il progetto mira a consentire l'esecuzione di esperimenti che combinino i laser a elettroni liberi (FEL) come sorgente di radiazioni IR, con i campi magnetici impulsivi. Una tale iniziativa, tra le altre, è destinata ad ampliare i confini di questa disciplina e a mettere in luce le capacità pionieristiche dell'Europa nella tecnologia dei campi magnetici.

Informazioni correlate