Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

FP6

EUROXY — Risultato in breve

Project ID: 502932
Finanziato nell'ambito di: FP6-LIFESCIHEALTH
Paese: Danimarca

Dall'ipossia uno strumento per combattere il cancro

Un vasto consorzio multidisciplinare ha esaminato nel dettaglio i meccanismi di risposta all'ipossia mostrati dai tumori, ottenendo risultati incoraggianti e lasciando intravedere la possibilità di utilizzare le nuove informazioni nella battaglia contro il cancro.
Dall'ipossia uno strumento per combattere il cancro
I tumori solidi hanno una proliferazione molto rapida e spesso riescono a impadronirsi di tutti i nutrienti e l'ossigeno, generando regioni di ipossia e di pH ridotto che a causa della limitata irrorazione sanguigna risultano impermeabili alla chemioterapia e alle radiazioni ionizzanti. Per sopravvivere in condizioni tanto difficili, le cellule cancerose hanno sviluppato meccanismi adattativi.

Interrompere questi meccanismi è uno dei mezzi per combattere il cancro e ha costituito l'oggetto dello studio Euroxy, finanziato dall'UE, al quale hanno partecipato oltre 21 partner europei.

I partner dell'iniziativa si sono avvalsi di metodi di biologia molecolare per identificare questi percorsi adattativi e molecole dotate di valore prognostico e potenziale terapeutico. Tra i marcatori vi sono nuovi obiettivi dei fattori HIF (fattori indotti da ipossia) e HIF idrossilasi, oltre a molecole che partecipano ai percorsi UPR e mTOR.

Il progetto ha individuato i pattern di espressione genetica dei tessuti tumorali ipossici, ottenendo importanti informazioni sull'avanzamento e sulla prognosi della malattia. L'anidrasi carbonica (CA IX), che viene immessa dalle cellule tumorali ipossiche nel flusso sanguigno, è stata identificata come potenziale biomarcatore per monitorare il progredire della patologia. Sono inoltre state sviluppate nuove tecniche di imaging delle aree tumorali ipossiche che potrebbero essere utilizzate come guida per somministrare ai tumori dosi di irradiazione in modo differenziato.

Grazie agli studi condotti sugli animali, i partner del progetto sono riusciti a identificare composti bioriduttivi che offrono le migliori prestazioni in condizioni di scarsità di ossigeno e inibitori degli enzimi di regolazione del pH come possibili formaci anticancro. La combinazione di irradiazione e ipossia, inoltre, si è rivelata molto efficace per l'eradicazione dei tumori.

Oltre ad aver realizzato scoperte scientifiche significative sui meccanismi alla base dell'ipossia dei tumori, il progetto Euroxy ha ispirato lo sviluppo di vari prodotti destinati al mercato commerciale. Il successo del consorzio ha permesso di ottenere un ulteriore finanziamento da parte dell'UE, per la realizzazione dei test clinici dei risultati ottenuti.

Informazioni correlate