Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

FP6

ANABONOS — Risultato in breve

Project ID: 503020
Finanziato nell'ambito di: FP6-LIFESCIHEALTH

Farmaci per la formazione ossea per combattere l'osteoporosi

Il danno irreversibile delle ossa causato dall'osteoporosi rende necessario lo sviluppo di farmaci in grado di attivarne la formazione. Alcuni ricercatori europei hanno fatto luce sui meccanismi coinvolti nella formazione ossea, identificando i farmaci bersaglio principali per la rigenerazione di tali tessuti.
Farmaci per la formazione ossea per combattere l'osteoporosi
L'osteoporosi rappresenta un enorme problema sanitario in Europa, il cui progresso è proporzionale all'invecchiamento della popolazione. La patologia è caratterizzata da una ridotta densità ossea, comunemente causata dall'accelerazione della perdita ossea. Sebbene i farmaci attualmente in commercio mirino alla prevenzione della perdita della massa ossea, questi non sono tuttavia in grado di riparare efficacemente il tessuto osseo danneggiato. Di recente, è stato approvato il primo farmaco anti-osteoporosi che ha suggerito la possibilità di trattare questa patologia anche mediante "farmaci per la formazione ossea".

I fautori del progetto Anabonos ("Molecular mechanisms of bone formation and anabolism"), finanziato dall'UE, hanno avviato una collaborazione tesa ad una migliore comprensione delle vie molecolari coinvolte nella formazione ossea. L'obiettivo finale della ricerca consisteva nel determinare i potenziali bersagli terapeutici per la prevenzione e il trattamento dell'osteoporosi.

Allo scopo di spiegare il ruolo di specifiche proteine nella regolazione della formazione ossea, i ricercatori hanno utilizzato la mutagenesi e la mappatura genetica nei modelli dei topi. Sono state inoltre determinate vie di segnalazione attivate che hanno condotto ad un aumento della formazione ossea nelle patologie genetiche umane.

Il progetto ha consentito di definire importanti effettori biologici a valle in grado di controllare lo sviluppo osseo nei topi. La regolazione positiva o negativa di questi effettori potrebbe condurre ad un aumento della formazione ossea. Inoltre, gli osteoclasti che, contrariamente agli osteoblasti, riassorbono l'osso, sembrano essere stimolati nella condizione patologica dell'osteoporosi e, grazie a tale processo, diventano potenziali bersagli terapeutici.

L'iniziativa Anabonos ha offerto alla comunità scientifica dettagli molecolari relativi al meccanismo su cui si basa la formazione ossea. Le proteine principali di questo processo rappresentano potenziali farmaci bersaglio per la prevenzione della perdita ossea e l'attivazione della formazione ossea nell'osteoporosi.

Informazioni correlate