Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

FP6

ZINCAGE — Risultato in breve

Project ID: 506850
Finanziato nell'ambito di: FP6-FOOD
Paese: Italia

Linee guida sullo zinco per gli anziani

L'invecchiamento è accompagnato da molti fattori deterioranti: uno dei principali tra questi è la degenerazione del sistema immunitario. Lo zinco potrebbe essere la risposta per potenziare le difese del corpo, e un progetto finanziato dall'UE ha completato una ricerca per riunire linee guida per il dosaggio, fortemente necessarie.
Linee guida sullo zinco per gli anziani
Lo zinco è uno dei micronutrienti antiossidanti che controllano lo sviluppo e il funzionamento delle cellule immunitarie, nonché l'attività della proteina legata allo stress, e aiuta a mantenere la stabilità genetica. L'invecchiamento è a volte accompagnato da una diminuzione dei livelli di zinco assorbito dagli alimenti, o da inadeguato assorbimento.

Poiché potrebbe esserci un chiaro collegamento all'assunzione di zinco e alle malattie degenerative legate all'età come il cancro, il progetto Zincage mirava a studiare il comportamento fisiologico dello zinco in relazione alla funzione immunitaria. L'obiettivo generale era fornire indicazioni su quali individui potrebbero beneficiare del supplemento. A livelli eccessivi lo zinco è tossico, quindi il livello del dosaggio è particolarmente importante.

Zincage ha esaminato il metabolismo del minerale da una prospettiva genetica, biochimica, cellulare e molecolare. Dopo aver analizzato i processi vitali necessari a un sistema immunitario efficiente, si sono eseguiti test sull'attività dello zinco nei linfociti prima e dopo la somministrazione del supplemento.

Tutti i test sono stati eseguiti su soggetti che stavano invecchiando in modo soddisfacente, nonché su quelli con malattie collegate all'invecchiamento. Sono stati analizzati campioni di DNA per identificare l'interazione del materiale genetico con lo zinco. Su tutti i soggetti sottoposti ai test è stato eseguito un semplice test di screening genetico, per identificare le persone con rischio di deficienza di zinco.

È interessante come gli scienziati della ricerca si siano concentrati sulle diverse abitudini alimentari degli europei del nord e del sud. I partecipanti al progetto provenivano da diversi paesi europei, e si sono tenute in considerazione le differenze nella dieta.

Gli scienziati di Zincage hanno aumentato considerevolmente la base della conoscenza sullo zinco e sui suoi effetti sul sistema immunitario. Una solida piattaforma fornirà un contributo a una serie completa di regole guida su chi sarà in grado di beneficiare del supplemento di zinco in età avanzata.

Informazioni correlate