Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

FP6

PCVD — Risultato in breve

Project ID: 513928
Finanziato nell'ambito di: FP6-FOOD

Gestione delle malattie dei suini

Le malattie da circovirus suino (PCVD) sono emerse nell'UE, con conseguenze devastanti per il benessere dei suini e l'industria del suino. Al fine di evitare le perdite finanziarie subite nel settore, un consorzio europeo ha studiato la patologia PCVD, proponendo misure di controllo per la prevenzione e la gestione delle malattie.
Gestione delle malattie dei suini
Le PCVD colpiscono il sistema immunitario suino, comportando un tasso di crescita più lenta e una disfunzione del sistema immunitario, con un notevole aumento dell'incidenza di infezioni batteriche secondarie, inclusa la salmonella e altri agenti patogeni zoonotici. Ciò porta ad un uso estensivo di antibiotici e ad un calo di qualità della carne.

Per superare tali problematiche, il consorzio del progetto PCDV ("Studies on the epidemiology, early pathogenesis and control of porcine circovirus diseases (PCVDs)"), finanziato dall'UE, ha inteso chiarire il ruolo del PCV2 nella malattia suina. All'inizio del progetto, le scarse informazioni disponibili sulle PCVD sostenevano che l'agente infettivo causale fosse il PCV2 e che altri parametri esterni fossero importanti nella piena espressione clinica della malattia.

Gli scienziati del progetto hanno scoperto che il PCV2 sembra agire da agente immunosoppressivo virale, inducendo lesioni dei tessuti linfoidi e ritardando la crescita progressiva nei suini infetti. I risultati sono stati supportati dall'ipotesi che le cellule dendritiche infettate da virus agiscano per sfuggire all'attacco immunitario, prolungando la loro permanenza a lungo termine.

Sono stati inoltre condotti studi genetici volti a determinare la suscettibilità dell'ospite verso la malattia. È stato osservato che una grave forma clinica della PCVD si manifesta solo nei suini più giovani di tre o quattro settimane di età. Collettivamente, tutte queste informazioni sono state utilizzate per generare misure di controllo della PCVD al fine di ridurre l'uso di antibiotici e l'insorgenza di infezioni batteriche zoonotiche secondarie.

I risultati scientifici e le misure di controllo contro la PCVD sono stati diffusi in modo proattivo alle parti interessate e la cooperativa di agricoltori COPA-COGECA dell'UE ha accolto con favore le misure di controllo proposte dal progetto. L'attuazione dei risultati del progetto si prevede che aiuti i produttori a rispondere alle preoccupazioni dei consumatori per la qualità e la sicurezza dei prodotti di carne di suino.

Informazioni correlate