Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

FP6

LRUCM — Risultato in breve

Project ID: 516405
Finanziato nell'ambito di: FP6-SME

Tecnologia di ispezione delle infrastrutture avanzata

È fondamentale poter ispezionare le opere di costruzione e rilevare i potenziali danni prima che rappresentino una minaccia alle persone e ai mezzi di sussistenza. Per questo motivo alcuni ricercatori finanziati dall'UE hanno sviluppato una tecnologia avanzata.
Tecnologia di ispezione delle infrastrutture avanzata
Nel corso degli anni ingegneri e architetti hanno creato una infrastruttura complessa di condutture, ferrovie e ponti che consentono alle persone e alle cose di spostarsi. Le reti di difesa costiera, quali le barriere con palancole in acciaio, contribuiscono alla protezione delle strutture e delle attività sulla costa dai danni causati dalle tempeste.

La degradazione di questi beni appartenenti all'infrastruttura di ingegneria civile con il tempo e con l'uso provoca fuoriuscite di petrolio e perdite, oltre a fratture nei binari e conseguenti deragliamenti. La corrosione dei ponti di cavi e di palancole potrebbe avere conseguenze catastrofiche.

Le prove non distruttive (PND) comprendono una serie di strumenti e metodi diagnostici che permettono a un ispettore di "vedere" il danno senza indurlo. È una tecnica utile che consente di risparmiare tempo, denaro e vite.

Le prove a ultrasuoni sfruttano le onde acustiche ad alta frequenza con caratteristiche che cambiano in presenza di una cricca o di un difetto. Le prove agli ultrasuoni a lunga portata (LRUT), chiamate anche prove ultrasoniche guidate, sono una tecnologia sviluppata in Europa negli ultimi 10 anni.

Le LRUT utilizzano onde ultrasoniche a bassa frequenza, sono quindi molto diverse dalle prove ultrasoniche standard. Inoltre le onde sono guidate dai bordi della stessa struttura estesa, si ha perciò una perdita di segnale ed energia molto bassa.

Le LRUT facilitano l'ispezione a distanze fino a 10 metri. Grazie al loro utilizzo si ottengono una copertura e un'ispezione complete di tutti gli elementi da un punto di osservazione ottimale, oltre all'ispezione di regioni inaccessibili da punti accessibili.

I ricercatori europei hanno cercato di migliorare le LRUT esistenti e hanno dato il via a una nuova era, spianando la strada a nuove applicazioni. I finanziamenti UE del progetto LRUCM ("Long-range ultrasonic condition monitoring") hanno consentito di condurre numerosi studi a riguardo.

Gli scienziati hanno cercato di migliorare il grado e la precisione delle ispezioni delle condutture, estendendo il campo di applicazione a rotaie e componenti in lamiera/lastra. Hanno inoltre sviluppato programmi formativi e di certificazione per il personale.

I risultati del progetto LRUCM hanno migliorato le conoscenze sulla tecnologia e sulle applicazioni LRUT. Da questi risultati potranno trarre vantaggio le circa 16.000 piccole e medie imprese (PMI) che si occupano di ispezione e manutenzione per garantire una maggiore protezione a persone e beni.

Informazioni correlate