Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

FP6

NEWBONE — Risultato in breve

Project ID: 26279
Finanziato nell'ambito di: FP6-NMP
Paese: Finlandia

Nuovi impianti ossei

Si ritiene che nuovi impianti biodegradabili, sviluppati dall'iniziativa Newbone, rivoluzioneranno il settore della protesica, offrendo una più rapida guarigione del sito lesionato con completa biodegradazione.
Nuovi impianti ossei
Il trauma e altri difetti ossei richiedono l'impianto chirurgico di protesi che facilitino la riparazione favorendo la differenziazione e lo sviluppo ossei. L'uso di materiali biodegradabili che non hanno bisogno di essere rimossi chirurgicamente sta guadagnando terreno, poiché essi offrono al paziente guarigione e recupero più rapidi e completi. Inoltre l'età media dei pazienti che richiedono impianti si sta abbassando, e i requisiti degli impianti rispetto alla resistenza al peso stanno diventando più difficili.

Lo scopo del progetto Newbone ("Development of load-bearing fibre reinforced composite based non-metallic biomimetic bone implant"), finanziato dall'UE, era sviluppare materiali composti rinforzati con fibre e nanoibridi (rispettivamente FRC e NHRC) per la riparazione e la sostituzione ossee chirurgiche.

Il consorzio ha coinvolto piccole e medie imprese (PMI) di primo piano nel settore delle protesi articolari, con importanti innovazioni nelle parti e nei materiali utilizzati nella riparazione delle lesioni.

I partner del progetto hanno creato impianti basati su NHRC per riparare i legamenti del ginocchio e della spalla, e questa tecnologia ha condotto a test preclinici dei prototipi e all'immediata commercializzazione. Questi nuovi impianti, grazie alla loro dimensione ridotta, hanno determinati vantaggi rispetto a quelli esistenti , inclusi il minor danno al tessuto sano causato dalla chirurgia, migliore crescita ossea e attacco ai tessuti circostanti.

Inoltre gli impianti FRC sono stati sviluppati con superfici che combinavano micro-ruvidezza e proprietà bioattive. Sono stati testati vari materiali, e l'idrossiapatite si è dimostrata il miglior materiale superficiale, con la più elevata capacità portante. Grazie alla natura non metallica di questi impianti FRC, sarebbe permessa la diagnosi tramite imaging a risonanza magnetica (RM) e tomografia computerizzata (TC).

Si spera che le innovazioni di Newbone abbiano un impatto significativo sulla sostituzione ossea, abbassando i relativi costi sanitari e migliorando il successo di questo tipo di operazioni. Ci si aspetta inoltre che le tecnologie sviluppate migliorino il volume di affari dell'industria europea degli impianti, affinché essa assuma il ruolo di leader globale nel settore.

Informazioni correlate