Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

FP6

MUSTSCHISTUKEMA — Risultato in breve

Project ID: 517733
Finanziato nell'ambito di: FP6-INCO
Paese: Danimarca

L'Europa al fianco dell'Africa nella lotta contro la schistosomiasi

Nel mondo in via di sviluppo, la schistosomiasi continua ad essere una minaccia molto grave per la salute. Riuscire a capire l'epidemiologia, i cambiamenti patofisiologici indotti dal parassita infettante e il meccanismo di azione del trattamento disponibile può aiutare a dedurre informazioni importanti sulla morbilità di questa malattia.
L'Europa al fianco dell'Africa nella lotta contro la schistosomiasi
La schistosomiasi è una patologia causata dal verme parassita Schistosoma, presente nei paesi tropicali. Attualmente, il trattamento di questa patologia prevede la somministrazione annuale del farmaco praziquantel, i cui meccanismi di azione sono tuttavia poco chiari.

Nel tentativo di colmare questa lacuna, il progetto Mustschistukema, finanziato dall'UE, ha studiato le differenze esistenti nei campioni di pazienti ugandesi prima e dopo il trattamento farmacologico. Avvalendosi della metabonomica basata sulla risonanza magnetica nucleare (RMN), gli scienziati sono riusciti a discriminare gli individui infettati da quelli sani sulla base del profilo urinario.

I marcatori molecolari dell'infezione da Schistosoma mansoni che sono stati identificati risultano principalmente collegati ai cambiamenti subiti dalla microflora dell'intestino ospitante, dal metabolismo energetico e dalla funzione epatica. Nel complesso, questi risultati confermano l'ipotesi che la schistosomiasi implichi risposte metaboliche nei pazienti specificamente affetti dall'infezione del parassita.

Riuscire a comprende il modo in cui il praziquantel modula le risposte immunitarie e le conseguenze per lo sviluppo della resistenza sarà estremamente prezioso per riuscire a creare vaccini e strategie di immunizzazione futuri. La tecnologia RMN avanzata applicata durante il progetto Mustschistukema per la rilevazione del parassita o dei suoi prodotti nell'organismo ospitante, inoltre, consentirà di identificare le biomolecole che in futuro potranno essere utilizzate per la diagnosi della morbilità e quindi per il miglioramento dell'aspettativa di vita dei pazienti affetti da questa patologia.

Informazioni correlate