Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

FP6

CELLPROM — Risultato in breve

Project ID: 500039
Finanziato nell'ambito di: FP6-NMP
Paese: Germania

La nanotecnologia per comprendere la differenziazione cellulare

Ricercatori finanziati dall'UE hanno fatto importanti progressi nell'applicazione della nanotecnologia al fine di comprendere la trasduzione del segnale e la differenziazione cellulare. Gli sviluppi hanno importanti implicazioni per le future terapie molecolari e cellulari.
La nanotecnologia per comprendere la differenziazione cellulare
L'utilizzo di cellule coltivate per studiare i processi biologici non è un approccio nuovo. Gli scienziati hanno studiato per non poco tempo i processi della differenziazione cellulare, ovvero il modo in cui le cosiddette cellule precursori diventano cellule oculari, cerebrali o ossee. Ma l'avvento della nanotecnologia ha aperto nuove strade ai processi e alle tecniche per il controllo e lo studio dei processi di differenziazione.

I ricercatori europei sostenuti dal finanziamento al progetto CELLPROM ("Cell programming by nanoscaled devices") miravano a sviluppare nuove superfici nanoscalari per agire sulla differenziazione cellulare e studiarla in vitro.

Gli studiosi si sono concentrati su tre differenti cellule staminali animali e umane: cellule staminali embrionali murine (MESC), cellule staminali adulte pancreatiche e ghiandolari (PSLC) e cellule precursori del midollo osseo murine (MBMPC).

Hanno cercato di sviluppare procedure e attrezzature che permettano la creazione precisa di "nanoscape", paesaggi molecolari fatti su misura. La tecnologia permetterebbe per la prima volta la produzione di popolazioni definite di cellule specificamente programmate per lo studio della differenziazione cellulare.

Il progetto CELLPROM ha fatto progressi significativi nello sviluppo di dispositivi nanotecnologici. Il proseguimento della ricerca dovrebbe condurre a importanti progressi per la nostra comprensione della differenziazione cellulare e al futuro sviluppo di terapie molecolari e cellulari per numerosi processi patologici.

Informazioni correlate